La pignolata


La pignolata si chiama così perché si presenta a mucchietti che devono avere ricordato a qualcuno la forma delle pigne... Tipico della Sicilia occidentale, e cugino dei napoletani struffoli, questo dolce è noto anche nella zona di Messina col nome di pignoccata, che probabilmente si spiega nello stesso modo; ma la variante messinese, mi dicono, prevede pezzetti più grossi e la presenza di una glassa al limone o al cioccolato al posto del miele. Vi dò una ricetta la cui autenticità è confermata da mia nonna! Impastate una pasta piuttosto solida utilizzando uova e farina in rapporto 1:100; cioè, un uovo per ogni cento grammi di farina, in caso di uova medie; dose "canonica", 400 grammi di farina 0 (#550) e quattro uova. Per uova di dimensioni diverse, volendo lavorare a regola d'arte, si dovrebbe seguire il criterio antico, cioè impastare la farina cull'ova chi piglia. Fate una bella palla e mettetela a riposare per mezz'ora, avvolta in pellicola.
A questo punto inizia la fase noiosa, che vi porterà a maledire il momento in cui avete deciso di preparare la pignolata: tagliare pezzetti di pasta, fare dei serpentelli e tagliare ciascun serpentello in ulteriori pezzetti piccolini, delle dimensioni di una nocciola. Lavoro che sembra non finire mai. Queste noccioline di pasta dovrete friggerle in olio ben caldo e metterle a perdere l'unto su carta assorbente: ma se starete bene attenti a fare ben scaldare l'olio e a mantenerlo a temperatura costante, vedrete che resteranno abbastanza asciutte e vi sentirete anche la coscienza più tranquilla a mangiarle...
Finita la frittura, riscaldate in una padella a bordi alti duecento grammi di miele, del tipo che preferite; appena diventa biondo svuotateci dentro il piatto delle frittelline e rigiratele in modo che si rivestano bene, spolverando con un po' di cannella in polvere. Il miele comincerà a caramellarsi; quando sarà più denso, prelevate le frittelline a cucchiaiate e disponetele a mucchietto in pirottini di carta oppure su un piano di marmo bagnato o unto, finché il miele non si solidifica. I dolcetti si conservano benissimo anche per una settimana e oserei dire che dopo qualche giorno sono anche più buoni!

Commenti

  1. Ciao Antonella, ti faccio i complimenti per il tuo blog e tutte le belle ricette che inserisci. Sono anche io di Palermo e sono approdata al tuo blog cercando in rete proprio la ricetta della pignolata. Ciao,
    Caterina

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi