Cosi di ficu


...ovvero, pasticcini ai fichi secchi, che a seconda della forma prendono anche il nome di cuddureddi, canestrini, o qualcosa di simile. La pasta è simile a quella dei pasticciotti, ma un po' meno friabile, e si prepara con:
  • 1 kg. di farina,
  • 270 gr. di strutto,
  • 250 g. di zucchero semolato,
  • 2 tuorli e 1 uovo intero,
  • 10 g. di ammoniaca per dolci,
  • 1 bustina di lievito vaniglinato in polvere,
  • latte quanto basta per ottenere una pasta piuttosto soda.

Il ripieno è composto di un chilo di fichi secchi tritati (con un mini-frullatore si ottiene un buon risultato), 100 g. tra mandorle e noci tostate, cannella, cioccolato, buccia d'arancia grattugiata, il tutto amalgamato con un paio di cucchiaiate di miele e un po' di Marsala. La pasta si stende in rettangoli, su ciascun rettangolo si mette un po' di ripieno modellato a cilindretto, e poi si ripiegano i bordi in modo da avvolgerlo quasi per intero; poi si dà al rotolino una forma a S o a semicerchio. I dolcetti si infornano a 180° fino a quando non sono dorati e poi, ancora tiepidi, si spolverano con abbondante zucchero a velo; altri preferiscono rivestirli di glassa.

Commenti

  1. Sei un mito mi sono guardata tutte le ricette della pasticceria siciliana... wowwwwww Complimenti!!, Data la tua bravura ti chiedo se puoi postare la ricetta delle ciambelle palermitane quelle che si gustano in spiaggia o colazione. Brava brava e ancor brava sopratutto perché posti ricette della vera tradizione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi