Torta Niceforo


Era, questo Niceforo, un imperatore bizantino, che regnò dall'802, successore dell'imperatrice Irene, e fece una brutta fine: sconfitto dai Bulgari, il capo di questi, certo Krum, pare abbia ricavato dal suo cranio una coppa per bere. Non è il presupposto migliore per intitolargli una torta, lo so... anche perché non si capisce che diamine c'entrino i Bizantini con la pasticceria. In realtà la questione è molto più terra-terra: la storia di Niceforo e della battaglia contro Krum la stavo leggendo proprio il giorno in cui ho inventato questa torta, nel 2005, per portarla ad una festa di Thanksgiving, per cui le due cose sono rimaste associate, almeno nella mia mente. Non abbiatevene a male: vi ricompenserà il sapore.
  • 150 g. di burro ammorbidito;
  • 200 g. di zucchero;
  • 2 cucchiai di Grand Marnier;
  • 4 uova;
  • 200 g. di farina 00 (#405);
  • 170 g. di amido di mais;
  • 3 cucchiai di panna;
  • 1 bustina di lievito in polvere;
  • 2 bacche di cardamomo.
Montate a crema il burro e lo zucchero, poi unite a poco a poco alternandoli, la farina setacciata con il lievito e l'amido, le uova, la panna, il Grand Marnier, e i semini delle bacche di cardamomo pestati. Cuocete l'impasto in uno stampo di 26 cm. di diametro, a 180º, per circa 40 minuti controllando con la prova stecchino: quando esce asciutto, via libera.
Quando è fredda, e solo quando è fredda, potrete tagliare la torta in due e farcirla con una crema, per la quale vi serviranno:
  • 110 g. di formaggio morbido Neufchâtel, o Philadelphia light, o Sahnequark;
  • 1 tazza di panna montata;
  • buccia di un'arancia grattugiata molto finemente;
  • 2 cucchiai di arancia candita a pezzetti piccolissimi;
  • 50 g. di zucchero a velo.
Montate il Neufchâtel con lo zucchero a velo, e quando avrete ottenuto una crema soffice unite la panna, la buccia d'arancia e i canditi. Spalmate su metà della torta e ricoprite con l'altra metà. Fatto ciò, passate alla decorazione: ricoprite il dolce con una glassa, preparata con
  • 200 g. di cioccolato fondente al 58/60 % di cacao;
  • 100 g. di zucchero a velo;
  • 1 cucchiaio di panna liquida.
Lasciate rapprendere la glassa in frigo e poi al primo assaggio godetevi gli angioletti che volano...

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi