Passa ai contenuti principali

Pastiera


Anche in versione eretica: bassa e a quadretti! 

Com'è volato questo mese di aprile! E con esso il periodo pasquale, di cui è stata protagonista la pastiera. Questo monumento della pasticceria napoletana mi ha sempre incuriosita - a Palermo, il dolce pasquale è la cassata - e definitivamente conquistata quando qualche anno fa ho assaggiato quella mitica di Scaturchio a piazza San Domenico Maggiore. Poi, pochi giorni dopo, approfittando di un viaggio in pullman, ho potuto iniziare la raccolta informazioni: era una gita speciale, una di quelle manifestazioni a cui partecipano decine di scuole, e la collega seduta accanto proveniva da un liceo campano. Quale migliore occasione! Oltretutto, io per Napoli impazzisco.
Ed ecco qui la ricetta che non ho più abbandonato: non è esattamente quella della collega che prevedeva sette uova sette, e che di conseguenza non è l'ideale per chi, come me, non sia appassionato del sapor di tuorlo - ma risulta dal confronto con la proposta di J. Caròla Francesconi nel benemerito La cucina napoletana. Al di là dei lati simbolici, poetici - tutta un'allusione al risveglio primaverile, la pastiera: l'uovo, il grano, la nota fiorita della zagara e dei canditi - uno degli aspetti interessanti di questo dolce è che si conserva bene per qualche giorno, e anzi non va consumato appena sfornato, ma necessita di un paio di giorni di riposo per consentire ai sapori di amalgamarsi. Per cui la tradizione vuole che lo si prepari il giovedì santo; tra l'altro, mi confermava una conoscente con ascendenze napoletane, ogni famiglia ha la sua variante e c'è chi vanta il proprio segreto - un po' di limoncello, per esempio - per una pastiera unica nel suo genere.
Io vado sul tradizionale... tanto sono di Palermo. Ma ve la consiglio. Ecco le dosi:
- per la pasta frolla
  • 400 g. di farina 00 (#405);
  • 200 g. di strutto (e non burro, no-no: sta qua il segreto della friabilità del guscio);
  • 200 g. di zucchero;
  • 4 tuorli.
Impastiamo bene, intridendo prima la farina con lo strutto, e poi lasciamo a riposo anche per un giorno o una notte: il risultato ci guadagna.

- per il ripieno:
  • 200 g. di grano cotto per pastiera;
  • 350 ml. di latte;
  • buccia grattugiata di 1/2 arancia;
  • una noce di burro;
  • 1 cucchiaino di zucchero;
  • vaniglia o vanillina;
facciamo cuocere ulteriormente il grano nel latte fino ad ottenere un composto cremoso, che poi lasceremo raffreddare. Volendo si può preparare il grano cotto anche in casa, come ho fatto nel 2005 negli USA, nell'impossibilità di reperire quello pronto: basta lasciare i chicchi a bagno per tre giorni, cambiando l'acqua di ammollo, e poi lessarli come si fa con il riso finché non si ammorbidiscono bene e quasi non si disfano, scolarli e lasciarli raffreddare.
La crema di grano andrà poi incorporata a
  • 250 g. di ricotta,
  • 170 g. di zucchero,
  • 3 tuorli,
a formare una crema a cui aggiungere
  • agrumi canditi (cedro, limone, arancia) e zucca candita nelle quantità che preferite,
  • 1 cucchiaino di cannella,
  • acqua di fior d'arancio,
  • i 3 albumi montati a neve.
Non vi dico una dose precisa per l'acqua di fior d'arancio perché l'effetto dipende dal tipo di essenza che usate: in alcuni casi una fiala dà un aroma ancora troppo "leggero", in altri invece bastano poche gocce. Occhio alla marca, quindi... però tenete conto che con la cottura l'aroma si affievolisce. Una volta pronto il ripieno, si procede come per una normale crostata, con strisce piuttosto larghe per creare la grata: con le dosi che vi ho dato riempirete uno stampo da ventotto centimetri. A Napoli però usereste il "ruoto" d'alluminio, da cui la torta non va sformata, ma che anzi va in tavola come un piatto da portata.
Fate cuocere a 180º per un'ora circa, anche un po' di più a seconda del vostro forno - la pastiera dev'essere dorata ma non secca: "con la lacrima", diceva la collega. Si gonfierà in cottura, ma poi si affloscerà: va bene così. Dopo di che, lasciatela da parte per un giorno almeno, e poi via libera.

Commenti

  1. La pastiera è uno di quei dolci per cui vado pazza... seconda solo alla cassata siciliana... d'altronde sono di Palermo anche io!

    RispondiElimina
  2. che bella questa pastiera, ho appena conosciuto il tuo blog è mi piace tanto ho letto molte ricette di dolci interessanti, ti metto nei miei preferiti un bacio

    RispondiElimina
  3. complimenti ,ha un ottimo aspetto la tua pastiera

    RispondiElimina
  4. complimenti per le belle ricette che ho trovato nel tuo blog! tornerò!!!

    RispondiElimina
  5. mai avuto il piacere di assaggiare una vera pastiera, deve esser proprio buona!
    sul mio blog c'è un piccolo premio, spero che ti piaccia, passa a ritirarlo ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…