Limetten-Mohn-Kuchen (ciambella al lime e papavero)


I semini di papavero vanno fortissimo qui in Germania! A me non sempre piacciono, ma in questa rivisitazione della ciambella marmorizzata, in cui si associano al sapore del limone verde, li trovo irresistibili. Eccovi la ricetta per uno stampo da 2 litri, che viene dal ricettario di Meine Familie und Ich (Das Backbuch, Knaur, 2003); lo stampo per il dolce della foto invece è piccolino, e richiede metà dose.
  • 250 g. di burro ammorbidito;
  • 150 g. di zucchero;
  • Una presa di sale;
  • 4 uova (categoria M);
  • 400 g. di farina;
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • 100 g di panna da montare;
  • zeste grattugiato e succo di 2 limoncini verdi;
  • 150 g. di semini di papavero;
  • 3 cucchiai di liquore all'arancia;
  • succo di 3 limoncini verdi o 2 limoni;
  • 150 g. di zucchero a velo.
Preriscaldare il forno a 175º e predisporre lo stampo. Lavorare a schiuma il burro con lo zucchero, il sale e le uova, e poi incorporare alla crema, alternando, la farina setacciata col lievito e la panna. Dividere l'impasto in due parti e unire alla prima il succo e la buccia grattugiata dei lime, alla seconda i semini di papavero e il liquore all'arancia.
Versare nello stampo prima l'impasto al papavero e poi quello al lime. Con una forchetta "pungere" la pasta in modo da creare l'effetto marmorizzato e cuocere per circa 50 minuti sul ripiano più basso del forno. Quando il dolce è tiepido potremo estrarlo dallo stampo e farvi colare sopra la glassa preparata con il succo degli altri tre lime e lo zucchero a velo. Buonissimo, abbastanza rapido e... sporca poco!

Commenti

  1. Intrigante questa torta bicolore! Ho visto tante ricette con i semi di papavero, ma nacora non ho avuto il coraggio di provarlo. Mi piace quello che hai detto nell'ultimo rigo del tuo post!

    RispondiElimina
  2. eh sì...purtroppo sono un po' maniaca di un paio di cose che non si sposano bene con la passione della pasticceria: controllo sovietico sulle calorie e sulla pulizia in cucina!!! ;)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Bravissima Antonella! Corro in Germania di nuovo se me lo prepari per colazione!!!

    RispondiElimina
  5. ...prenotato per la prossima volta, no?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi