Passa ai contenuti principali

La fugassa zeneize



Se è vero, e vi assicuro esserlo, che per chiunque risieda all'estero le ferie nel luogo d'origine non sono vacanze ma un vero e proprio lavoro, un capitolo a sé - e tra i più impegnativi - lo rappresenta l'organizzazione di una cena tra parenti. Detto così sembra nulla: e invece sono guai. Chi non mangia una cosa e chi un'altra, aficionados dell'autoproduzione che rifiutano categoricamente qualsiasi vivanda arrivi pronta da ristorante o pizzeria, eterni indecisi sulla scelta del menu, clima decisamente inclemente tipo Valle della Morte: e allora ci vuole il pugno duro che dica: faccio io. Pazienza se uno è partito da casa con il fermo proposito di mettere mano in cucina il meno possibile.
Ieri, per l'appunto, l'ho risolta con la focaccia genovese, che oltre ad essere buona ha un vantaggio, che si portano i condimenti a tavola e ciascuno può condirsela con quello che preferisce, limitando al massimo le conseguenze del mammismo all'italiana per cui ci deve essere sempre il deputato a servir tutti, e gli sguardi compassionevoli per chi non apprezza la carne e simili, che può sperare di passare inosservato. La ricetta la scovai qualche anno fa e viene dall'Associazione Panificatori di Genova e provincia - è mia solo la scelta delle farine perché la fonte consiglia la farina 00 rinforzata, designazione molto generica da riferire probabilmente a quelle miscele per uso professionale che non si trovano in piccole quantità.
Contate di iniziare a lavorare quattro ore prima d'infornare - la fugassa richiede tre lievitazioni - e il risultato vi compenserà della pazienza!
Con queste dosi otterrete due teglie grandi di focaccia. Noi eravamo in otto: e non ne è rimasta...
  • 600 g. di farina Manitoba (0, #550);
  • 400 g. di farina 00 (#405);
  • 50 g. di olio;
  • 35 g. di lievito di birra;
  • 20 g. di sale;
  • 550-600 g. di acqua;
  • 20 g. di malto o miele;
più
  • olio per ungere, emulsionato con un po' d'acqua;
  • sale grosso;
  • rosmarino.
Sciogliete il lievito di birra con il malto, un po' d'acqua tiepida e un po' di farina e lasciate da parte per cinque minuti, poi impastate la miscela con il resto della farina, l'olio e l'acqua tenuta da parte in cui avrete sciolto il sale. Se usate l'impastatrice, sarà più semplice, altrimenti lavorate con le mani per almeno mezz'ora fino ad ottenere una pasta morbida ma ben liscia e omogenea - la capacità di assorbimento della farina può variare, per questo potrete aver bisogno di un po' più d'acqua rispetto alla dose base di 550 g. Sbattetela diverse volte su un piano e continuate a impastare con le mani, poi lasciatela riposare in una grossa ciotola per mezz'ora coperta con un panno umido. E questa è la prima lievitazione.
Dopo mezz'ora piegate l'impasto a fagotto, tirando i lembi verso il basso, e lasciate riposare coperto ancora per 30 minuti. E questa è la seconda lievitazione.
Al termine, dividete l'impasto e posizionatelo al centro della teglia dove dovrà cuocere. Lasciate riposare per 20 minuti e poi spianatelo, facendo delle fossette con la punta delle dita. Spruzzate con acqua la superficie, ungete con olio emusionato con acqua, cospargete con un po' di sale grosso e rosmarino e poi lasciate lievitare le focacce per due ore in forno spento a 40 gradi con la solita tazza d'acqua bollente. E questa...c'è bisogno di dirlo? è la terza lievitazione!
A questo punto le focacce dovranno cuocere in forno caldo a 230° per venti minuti circa, e poi a tavola...

Approfitto per ringraziare Stefania di Cardamomo&Co. per un premio, questo (Mariarita dolce e salato)


che passo a: Elena, Claudia e all'ormai mitica Vera, indiscussa regina del mondo vegan da cui attingo spesso e volentieri la risposta all'annosa questione: e stasera che faccio per cena? (io però, a onor del vero, faccio parte "solo" dei vegetariani - quelli divenuti tali in "tarda" età e per giunta, diciamo così, eretici... )

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…