Gaufres croccanti

Queste, per una volta, non vengono dal Belgio, ma rappresentano una delle versioni più note delle gaufres, francese in partenza, ed esportata più o meno in tutto l'universo mondo! Le cialde si presentano in questo caso croccanti, e si mantengono tali abbastanza a lungo; sono anche piuttosto comode, perché possono essere preparate in anticipo e poi passate un momento nel tostapane o in forno caldo prima di servirle accompagnate dai vari condimenti. Nella foto vi suggerisco la composta di mele o la crema di cioccolato, ma nella stagione giusta anche fragole e panna non guastano, oppure... quello che volete voi!
Per dieci gaufres grandi (una decina di centimetri di lato), ecco quello che vi serve:
  • 150 g. di farina;
  • 50 g. di burro;
  • 100 ml. di latte;
  • 100 ml. di birra chiara o acqua frizzante;
  • 40 g. di zucchero a velo (anche 50-60 se le preferite più dolci)
  • un uovo M;
  • un pizzico di sale;
  • 1/2 bustina di lievito per dolci;
  • 1 bustina di vanillina;
  • 50 g. di burro.
Sbattete l'uovo aggiungendo gradatamente lo zucchero. A proposito! La ricetta base permette di ottenere gaufres non eccessivamente zuccherate, ma a seconda dei gusti potete aumentare il quantitativo di zucchero anche in relazione a ciò con cui volete accompagnarle: per esempio, se pensate a della frutta, sarà opportuno renderle più dolci, mentre con la Nutella va bene così. Ottenuta una spuma chiara, cominciate ad incorporare la farina miscelata con la vanillina, il sale ed il lievito, alternandola con il latte, il burro fuso e lasciato raffreddare e in ultimo l'acqua frizzante o la birra. In questa fase, attenzione ai grumi!
Lasciate riposare la pastella per circa un'ora e poi cuocete le cialde nel gaufrier ben caldo, circa 3-4 minuti per ciascuna, anche se i tempi possono variare a seconda dell'apparecchio. È possibile anche congelare le gaufres appena si raffreddano, per poi ritrovarle pronte a colazione: basta passarle qualche minuto in forno e saranno perfette!

Commenti

  1. Non so che darei per poterle assaggiare,sanno tanto di squisito!Buonanotte da Palermo.

    RispondiElimina
  2. Ma lo sai che non ho avuto la possibilità di assaggiare mai nè le une nè le altre? Perché le ho conosciute dopo che ho scoperto la celiachia... però potrei provare (avendo l'attrezzo... ma forse da Lidl lo trovo...) a sostituire con 150 gr. di farina di riso... CHe ne pensi???
    P.s. Certo che per la dieta che dovrei fare, queste, qualche caloria in più la posseggono...
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi