Grießschmarren


Mi è venuta voglia di Vienna mentre leggevo Die Kapuzinergruft di Joseph Roth, ambientato al tramonto dell'impero asburgico... e Vienna vuol dire, tra le altre cose, anche il Kaiserschmarren nelle sue varie versioni. Quella base ve l'ho già presentata, e già che ci sono vi dico che, se vi trovate a passare da quelle parti, secondo me la migliore in assoluto la trovate da Demel (Kohlmarkt 14). Il mio sogno sarebbe stato fare l'apprendista da loro...
Quella di oggi è invece la variante che prevede l'uso di Grieß, cioè semolino. Anche questo esiste in due versioni: una con le uova e una senza. La seconda l'ho provata, sempre a Vienna, da Griensteidl; però mi è sembrata una specie di polenta, niente che facesse venire voglia di riprovarla o di imitarla. Questa versione invece (da So backt Südtirol) è proprio da consigliare.
Vi serviranno (per quattro porzioni, se no dimezzate tranquillamente):
  • 500 ml. di latte;
  • 40 g. di zucchero;
  • 25 g. di burro;
  • una bustina di zucchero vanigliato;
  • un pizzico di zeste di limone grattugiato;
  • un pizzico di sale;
  • 150 g. di semolino fine;
  • 1 cucchiaio di uvetta marinata in 1 cucchiaio di rhum;
  • 2 uova, separate;
  • ancora 40 g. di zucchero, meglio se bruno (Demerara).
Dunque si inizia dal latte, che facciamo bollire con il burro, lo zucchero vanigliato, la buccia di limone grattugiata e il sale. Versiamo il semolino a pioggia, come si fa per gli gnocchi alla romana, e con la frusta lavoriamo la miscela finché si addensa, a crema. Aggiungiamo l'uvetta con il liquore e lasciamo raffreddare un po'.
Non appena la massa è tiepida potremo aggiungervi i tuorli e successivamente gli albumi montati a neve. A questo punto facciamo sciogliere una noce di burro in una padella per crêpes o per frittate (bella invenzione quella doppia, fatta di due padelle da sovrapporre!) e vi spargiamo metà dello zucchero bruno. Versiamo l'impasto e lo lasciamo dorare e caramellare finché diventa leggermente croccante. Rivoltiamo la frittata... in senso proprio, e poi, una volta ottenuto lo stesso effetto anche dall'altra parte, la facciamo a pezzetti con una forchetta o una paletta.
Il Grießschmarren va servito, come il Kaiserschmarrn, spolverato di zucchero a velo ed accompagnato da composta di frutta. La versione austriaca prevede amarene alla vaniglia. Io ho provato invece composta di mirtilli e crema di latte, e ne sono molto soddisfatta!

Commenti

  1. Com'è che sapeva di polenta se era fatto si semolino???? Ma posso sostituirlo con la farina di mais???
    Lo sai che ha nevicato anche a Barcellona, l'ultimo nostro giorno di permanenza??? Ti ho pensata....
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  2. Anche a Verona a nevicato per bene! Clima ancora ottimale per preparare il Kaiserschmarrn nelle sue varie versioni!!! Gnamm, gnamm...che buono!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi