Pere speziate

Questa volta non si impasta!
Conoscete le pere Belle-Hélène? Eccone una versione particolare che trovo in una raccolta di dessert francesi o di ispirazione francese, opera dell'americana Jill O'Connor (Simple French Desserts, Chronicle Books, San Francisco, 2000, p. 98). Me ne discosto solo per la sostituzione di un coulis all'albicocca al posto della salsa di cioccolato o di caramello, dettata unicamente da ragioni di pigrizia: era più semplice da preparare.
Se avete ospiti e volete cambiare finale rispetto alla solita frutta, procuratevi (facciamo che siate in otto):
  • un pezzetto di zenzero (4 cm.);
  • 225 g. di zucchero;
  • 750 ml. d'acqua tiepida;
  • 1 baccello di vaniglia inciso longitudinalmente, o i suoi semi;
  • 4 pere Abate, sode, non troppo mature;
  • 2 cucchiai di brandy Pera Williams (questa la dose originale, io ne uso di più).
Sbucciate lo zenzero e tagliatelo a fettine sottili. Mettetelo in una casseruola grande abbastanza da contenere le pere, tagliate a metà, in un unico strato; aggiungetevi lo zucchero sciolto con 125 ml. d'acqua. Fate bollire e restringere lo sciroppo finché diventa di colore ambrato. A questo punto, via di corsa dal fornello! e aggiungete il resto dell'acqua, con cura per evitare schizzi, anche se lo zucchero non è ancora completamente caramellato. Mescolate finché lo sciroppo non si è sciolto del tutto e poi aggiungete la vaniglia.
Adesso è ora di sbucciare le pere, tagliarle a metà, lasciando possibilmente il gambo, ed eliminare i semi. Dopo di che, disponetele nella casseruola dello sciroppo e lasciatele sobbollire finché sono tenere ma non sfatte: la prova la farà una forchetta o un coltello appuntito, che deve poter pungere i frutti facilmente ma senza distruggerli. A seconda del grado di maturazione ci vorrù un quarto d'ora o qualche minuto in più. Al termine aggiungete il liquore di pera e lasciate raffreddare le pere nel loro sciroppo. Una volta fredde, le pere possono essere servite subito o conservate in frigo (sempre immerse nello sciroppo) fino a un paio di giorni. Per servirle, vanno accompagnate con gelato alla vaniglia oppure con un cucchiaino di crema di latte (come nella foto), con una colata di salsa di cioccolato o di vaniglia e qualche biscotto, possibilmente alla nocciola. Stanno benissimo anche pezzetti di pan di spezie leggermente tostati.

Commenti

  1. Ciao davvero buone...con quel gelato sopra devono essere squisitissime...Complimenti...bacioni Luciana

    RispondiElimina
  2. Ciao Antonella, buonissime queste pere! A me piace molto la frutta cotta, sostituirla al dessert e insaporirla nei modi più vari, carina l'idea di rivisitare la Belle-Helene. Brava. Deborah

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi