Tutti pazzi per il rabarbaro: la composta!

Ma in fondo che diamine è 'sto rabarbaro, che a maggio, in Germania, si incontra dappertutto e la fa da padrone in pasticceria: frutta o verdura? I miei colleghi ed io ci ponevamo qualche giorno fa questo problema e a quanto pare l'opinione prevalente è di considerarlo frutta, proprio perché non si usa per il minestrone ma per i dolci: in realtà però è una pianta erbacea, con un lungo gambo rosso, un po' acidulo, e foglie simili a quelle delle bietole. Eccolo qua!
Appunto, la prima volta che l'ho assaggiato in una certa torta è stata una delusione pazzesca: non capivo proprio perché tanti andassero pazzi per quella che mi sembrava proprio una torta con i torsoli di lattuga. Poi l'ho provato altre volte e mi ha convinta di più: si vede che il "supporto" era realizzato meglio e il rabarbaro stesso meglio condito. Qualcuno mi ha poi raccomandato con entusiasmo la composta di rabarbaro e spiegato come prepararla, e quella mi è piaciuta, tanto che adesso, non appena è comparso in giro lo strambo ingrediente, me lo sono subito procurato. La composta è infatti leggerissima e rinfrescante e si accompagna benissimo allo yoghurt, al gelato o, come nella foto, alla panna, ma può essere gustata anche da sola. Oltretutto la sua preparazione è molto semplice: basta mondare i gambi di rabarbaro - quanti, decidete voi! - pelandoli, come si fa con il sedano, tagliarli a tocchetti e metterli in un pentolino con un po' d'acqua - quanto basta perché non si attacchino, ma senza coprirli completamente - e un cucchiaio di zucchero per ogni gambo, più alcune fragole o pezzetti di banana e la punta di un cucchiaino di semini di vaniglia. Questi frutti compensano, infatti, il sapore acidulo del rabarbaro. Si porta ad ebollizione e poi si toglie immediatamente dal fuoco, perché altrimenti il rabarbaro si disfa in men che non si dica, e si aggiunge un cucchiaio raso d'amido o fecola diluito in un po' d'acqua come legante, mescolando finché non si addensa, e si profuma con un po' di liquore: benissimo il liquore di lamponi o quello all'arancia.
Per noi italiani richiede un po' di fiducia... ma val la pena di provarla!

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi