Passa ai contenuti principali

Muffolette

Ebbene sì... ho ceduto! l'ho fatto venire apposta dall'Italia! ed è già da un po' che, almeno una volta alla settimana, la fa da protagonista in casa mia!
chi? cosa? ma il forno Ferrari per la pizza... minuscolo, leggero leggero e potentissimo: quello con la pietra refrattaria, che raggiunge temperature che, se proprio non sono elevate come quelle del forno a legna, almeno si avvicinano permettendo di cuocere pizze serie: pizze da pizzeria, il che, se abitate in un luogo in cui impazza la pizza con l'ananas e vi sentite dire che è giusto perché l'ananas sta bene con tutto, è un vantaggio notevolissimo.

Una pizza con il forno Ferrari

Dunque questo forno, se lo vedete, pare una fesseria: una cosa per giocare, e invece c'è poco da ridere, la pizza riesce bene anche se richiede un minimo di esercizio per far quadrare i tempi e capire quando infornare e quando sfornare, che tipo di impasto va bene... insomma, con un po' d'allenamento andrà benissimo, e in tempi ultrarapidi: di non più di cinque, otto minuti per ogni pizza. E se della pizza vi siete stufati, preparatevi le muffolette, che sono panini siciliani che si facevano - e ancora si fanno - nelle campagne, nel forno a legna. Mi ricordo belle serate, in Sicilia, con muffolette e tabisca, cioè focaccia. La muffoletta, o muffuletta, secondo me, si chiama così perché muffola è un particolare tipo di forno; una volta ho letto su Internet che deriverebbe da una parola francese che vuol dire morbido, e sarebbe abbastanza logico se moufle non fosse un tipo di guanto e mouflette un modo per designare la puzzola... L'associazione non mi piace e non rende giustizia alla bontà di questi panini, che sono un classico nel periodo della spremitura dell'olio.
Ci vorrebbe, a rigor di logica, la farina di semola rimacinata. Io non ce l'ho, so dove trovarla ma non mi fa impazzire, e così la sostituisco con la farina Manitoba; e il risultato, tutte le volte che l'ho preparata, è stato fantastico. Con queste dosi potrete ottenere 800 grammi circa di pasta, per otto muffolette.
  • 400 g. di farina per pizza (voi che potete, procuratevi la Lo Conte o la farina per pizza del Molino Spadoni...)
  • 100 g. di farina Manitoba; oppure 400 g. di semola rimacinata e 100 g. di farina per pizza;
  • 300 g. di acqua;
  • 10 g. di olio;
  • 10 g. di sale;
  • 8 g. di lievito di birra;
  • 1 cucchiaino di miele o malto.
Se usate la semola rimacinata, il sapore sarà più marcato, più rustico; e potrà servire un po' d'acqua in più.
Per l'impasto si procede come per la pizza, a partire dal lievito sciolto in metà dell'acqua tiepida e "attivato" con il miele o il malto, mentre nell'altra metà dell'acqua emulsioniamo l'olio cominciando ad impastare la farina setacciata con il sale; aggiungiamo il lievito, impastiamo benissimo fino ad avere una pasta liscia che si stacca dalle pareti del recipiente e incorda, e poi riponiamo in una ciotola unta, copriamo con cellophane e lasciamo da parte per un paio d'ore.
Dopo la prima lievitazione l'impasto va suddiviso in porzioni da cento grammi circa con cui formare le muffolette (non ci vuol molto... sono panini tondi!). Le metteremo a lievitare su carta forno leggermente unta, coperte con cellophane o foglio di nylon anch'esso unto perché non si appiccichi. Altre due ore, a circa 35º e con una tazza d'acqua bollente vicino, e poi le muffolette saranno pronte per essere infornate; nel forno a pietra refrattaria - così otterrete la cottura ottimale; quelle di campagna possono essere leggermente bruciacchiate, come nella foto, l'effetto era voluto - oppure nel forno normale alla massima temperatura possibile.
La presentazione siciliana prevede di tagliarle a metà ancora tiepide e spruzzarle con olio e sale, o farcirle con ricotta fresca - previa, per me, gita al supermercato italiano - ma anche con caciocavallo, acciughe, e altra roba che a me non piace. Io ho provato, l'ultima volta, una versione europea con il manouri - che della ricotta è il cugino greco, ma, ahimé, parente assai più prossimo della panna... -, e verdure grigliate. Da proporre agli ospiti, magari in versione mini!

Commenti

  1. ancora all'ananas sulla pizza non ci sono arrivata, ma non si sa mai ;P
    Per ora mi segno la tua ricetta...la "mitica rossa" purtoppo dovrà aspettare ancora un po' (ovvero quando andrò a vivere per conto mio ;P )!!!

    RispondiElimina
  2. questo blog mi piace davvero mi sa che mi tornerò spesso a sbirciare, se vuoi fare un salto nella mia cucina
    http://biscottirosaetralala.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…