Passa ai contenuti principali

Torta al limone e frutti rossi



Voglio raccontarvi la storiella dei due berlinesi che si incontrano e uno chiede all'altro: "Hans, che programmi hai per quest'estate? ti va di fare qualcosa insieme?". Hans è contento della proposta ma ha bisogno di ragionarci un po' su: "lasciami pensare, Karl: quest'estate... vediamo... il lunedì ho appuntamento dal dentista, il giovedì mio cugino mi ha invitato a pranzo, ma per il resto possiamo organizzarci!"
L'ho inventata io e se non vi diverte, non posso farci niente: la colpa non è mia ma dell'estate italiana che dura più di una settimana e quindi vi impedisce di cogliere la pointe della mia barzelletta. Infatti, dopo un paio di giorni a trenta gradi, eccoci di nuovo in inverno con il cielo grigio-topo. Un lato positivo però c'è, ed è quello che la pioggia, rovinandomi un po' il piacere delle passeggiate, mi permette di dedicarmi alla trascrizione delle ricette.
Questa non è mia, ma di un personaggio il cui percorso mi piacerebbe imitare, se non altro quando sono troppo stanca dei libri: Cynthia Barcomi, che a Berlino ha riscosso un enorme successo grazie a un paio di pasticcerie e a tre libri di ricette pubblicati, pur senza essere affatto una del mestiere, almeno all'inizio. È americana, e al suo arrivo in Germania il suo lavoro di ballerina professionista era quanto di più lontano si possa immaginare dal settore gastronomico, fino alla decisione di cambiare rotta e aprire prima un locale a Kreuzberg - dove serviva dolci di tipo americano adattati ai gusti tedeschi - e poi un secondo in centro... Da allora in poi, tutto un successo. La sua Zitronen-Beeren-Tarte l'ho preparata perché pensavo fosse il caso, date le giornate estive, di gustarci qualcosa di fresco... ma quando mai, oggi ci vorrebbe il panettone! L'originale prevedeva solo lamponi e l'aggiunta di pistacchi tritati: io suggerisco invece i frutti rossi misti, oppure solo fragole. Un'altra modifica consiste nell'aggiunta della gelatina, della vaniglia e del liquore per aromatizzare.

Base di pasta brisée:
  • 110 g. di burro freddo a pezzetti;
  • 50 g. di margarina a pezzetti;
  • 200 g. di farina;
  • mezzo cucchiaino di sale;
  • un cucchiaio e mezzo di zucchero;
  • 75 ml. di acqua ghiacciata.
Ripieno:
  • 250 ml. di acqua;
  • 135 g. di zucchero;
  • una bustina di vanillina;
  • 80 ml. di succo di limone;
  • buccia grattugiata di due limoni;
  • 4 tuorli di uova L;
  • 30 g. di amido;
  • un pizzico di sale;
  • un cucchiaio di liquore all'arancia;
  • una noce di burro
  • 250-300 g. di fragole, o frutti rossi misti;
  • gelatina alimentare;
  • due cucchiai di liquore al lampone o alla fragola.
Mettere il burro e la margarina per una decina di minuti in freezer e nel frattempo preparare la miscela di farina, sale e zucchero e l'acqua ghiacciata. Aggiungere burro e margarina e sbriciolarli rapidamente con l'apposito attrezzo o con due forchette: meglio evitare le mani finché possibile, perché il burro non deve riscaldarsi troppo. Spruzzare con l'acqua e impastare finché la massa si compatta, senza esagerare: alla fine avvolgere in pellicola e mettere in frigo per due ore.
Dopo il tempo di riposo, regolare il forno a 225º; ungere e infarinare una teglia da crostata di 26 cm. di diametro, stendere rapidamente la pasta brisée e foderarla per bene. Bucherellare la pasta, coprirla con un foglio di stagnola e legumi secchi e cuocere per 12 minuti circa; poi eliminare la stagnola e i legumi, bucherellare ancora un po' e continuare la cottura per 5-7 minuti o finché la pasta non è ben dorata e asciutta. Infine, lasciare raffreddare.
Per il ripieno, miscelare bene tutti gli ingredienti eccetto la noce di burro, e il liquore e riscaldare mescolando costantemente per circa 5 minuit, finché la crema si addensa e comincia quasi a bollire. Non serve arrivare a bollore, anzi! Poco prima, togliere il recipiente dal fuoco e aggiungere il liquore e il burro; versare in una ciotola da riporre dentro un recipiente più grande pieno di cubetti di ghiaccio e lasciar raffreddare per mezz'ora. Assolutamente vietato assaggiare se, come me, non avete simpatia nei riguardi del tuorlo d'uovo: io quest'errore l'ho commesso e poi ho passato tutto il pomeriggio fortemente "disillusa" perché credevo di sentirne il sapore , che invece, quando il dolce è ben freddo, non si avverte più. Era un problema psicologico... le quattro uova mi avevano fatto impressione, e già all'inizio ero lì che pensavo: chissà che puzzaduovo...
Comunque dài, tutto è bene quel che finisce bene. La torta si compone riempiendo il guscio di pasta con la crema e sistemandovi sopra le fragole tagliate a metà, per poi versare la gelatina aromatizzata con il liquore di lampone o fragola. È veramente squisita!

Commenti

  1. meravigliosamente estiva, un tripudio di colori e gusti!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…