Cucchiceddi

Amanti della mandorla, questi pasticcini sono per voi: compresi i celiaci, perché il quantitativo davvero minimo di farina si lascia tranquillamente sostituire con quella di riso, e. gli irriducibili vegan, perché non contengono latte, uova e derivati.
Per dare un'idea, assomigliano ai pasticcini detti ericini. Ancora una volta la ricetta è di mia zia Elisabetta che mi dice che le cucchiceddi venivano preparate a Sciacca, in provincia di Agrigento; non so cosa significhi il nome, forse ha a che fare con la forma a conchiglia.
Io però ho ridotto un poco il quantitativo dello zucchero: la ricetta della zia prevede un tant pour tant - fifty-fifty in rapporto alle mandorle - ma assaggiando ho visto che erano già dolcissimi ben prima di raggiungere questa proporzione, e considerando il ripieno di marmellata, ho pensato di fermarmi lì evitando quelle dosi assassine.
  • 200 g. di mandorle macinate a farina, senza buccia;
  • Buccia grattugiata di un limone;
  • Una bustina di vanillina;
  • 25 g. di farina 00 (#405);
  • 150 g. di zucchero (zia Elisabetta dice: 200 g., o 150 di zucchero e un cucchiaio di miele);
  • Acqua per impastare;
  • Marmellata di zucca, cedro, arancia, o due di esse mescolate in pari quantità;
  • Cioccolato da copertura (circa 100 g.).
È presto detto. Le mandorle, miste allo zucchero, alla farina ed agli aromi, vengono impastate con l'acqua necessaria per ottenere un composto consistente e facile da modellare con le mani. In caso d'emergenza, cioè di impasto eccessivamente appiccicoso, potete aggiungere un po' di farina a cucchiaini, uno per volta.
Con questa pasta si modellano, con le mani o con lo stampo, delle forme di conchiglia, nella cui cavità si mette un cucchiaino colmo di marmellata. Quelli della foto contengono zuccata mista a marmellata d'arancia - non quella amara! -: il cedro, che pure ci fa la sua figura, qui è introvabile, ma mi ripropongo di provarlo in Italia. Si richiude con altro impasto e si mettono le conchiglie a cuocere in forno caldo a 180º fino a doratura. Una volta tiepide, potete glassarle con il cioccolato.

Commenti

  1. Solo 25 gr di farina?????? Li rifacciooooooo!

    RispondiElimina
  2. sì sì... la zia non raccomanda altro! certo sono, come dire, nutrienti...

    RispondiElimina
  3. Sembrano buonissimi , li provo !

    RispondiElimina

Posta un commento