Passa ai contenuti principali

Lo sfincione

Su questo blog lo sfincione alla palermitana era una grossa mancanza: una volta riusciva male la foto, un'altra mancava la macchina fotografica, un'altra volta la luce non andava bene o le porzioni sparivano troppo in fretta... qualche giorno fa sono riuscita a far coincidere tutte le condizioni ed eccovi qua la ricetta a colmare la lacuna!
Dunque, fermo restando che come tutte le ricette regionali ne esistono varie versioni, questa è quella palermitana, che prevede un sugo a base di pomodori, cipolle ed acciughe; esiste poi la variante bagherese, senza pomodoro, ma con l'aggiunta di ricotta fresca, quella con la salsiccia e sicuramente altre che non conosco. Senza contare le interpretazioni innovative, che aggiungono del formaggio nell'impasto, e che io personalmente proprio non apprezzo! Insomma, la ricerca degli optionals la lascio a voi e mi limito a descrivervi il modello base: quello del tipo che viene venduto per le strade, sulla Motoape ovverossia lapa, cioè, al grido di chi ciàvuruuuu! (Particolare non irrilevante... lo sfincione di produzione propria vi consente di conoscere con esattezza il luogo in cui viene preparato, sul quale, nel caso di quello venduto per strada a Palermo, non è il caso di indagare... you don't want to know it, direbbero gli americani, anche se qualcuno sostiene che il sapore dello sfincione da strada obbedisca allo stesso criterio di quello delle panelle e delle crocchette di patate: a friggerle nell'olio "pulito" non avranno mai quel sapore inimitabile...)
  • 100 g. di farina 00 (#405);
  • 100 g. di farina di semola rimacinata;
  • 300 g. di farina 0/Manitoba (#550); in alternativa (cioè in mancanza della farina di semola), 300 g. di farina 00 (#405) e 200 di Manitoba;
  • 260 g. di acqua tiepida;
  • Succo di mezzo limone emulsionato con
  • 4 cucchiai di olio;
  • 25 g. di lievito di birra;
  • 1 cucchiaino di sale;
  • 1 cucchiaino di zucchero.
Lo zucchero serve per dare una bella spinta al lievito quando lo scioglierete nell'acqua. Si impastano quindi tutti gli ingredienti come per la pizza, fino a quando l'impasto non è bene incordato, e poi si lascia lievitare la massa per tre ore. Terminato il riposo la si stende nella teglia, spianandola con le mani a fossette come per la focaccia genovese, la si condisce e la si lascia lievitare in luogo tiepido per altre tre ore. Adesso lo sfincione è pronto per essere cotto: venti minuti a 200º, naturalmente in forno caldo, e altri venti a 180º.
Lo sfincione richiede un certo dispendio di tempo per la lievitazione, ma vi ricompensa della pazienza perché non si mangia caldo, ma tiepido o addirittura freddo, e quindi è ottimo per essere preparato in anticipo e tenuto da parte. Adesso parliamo del sugo, che non è esattamente leggerino. In teoria si dovrebbero soffriggere almeno due cipolle in abbondante olio, farvi sciogliere alcune sarde salate, aggiungere circa 500 g. di pomodori, completare con del concentrato per rafforzare il sapore - il cosiddetto estratto - e lasciare restringere il tutto. Però posso dirvi che, lasciando stufare per prima cosa le cipolle con un pizzico di sale senza friggerle, risparmierete olio e il sugo risulterà molto, ma molto più digeribile. Si condisce lo sfincione, oltre che con il sugo, con del formaggio a pezzetti, che nell'originale è caciocavallo fresco e stagionato; per chi come me non lo ama, vi confesso che io opero una contaminazione Oriente-Occidente e utilizzo feta e ricotta al forno. Per completare origano e pangrattato leggermente tostato, terminando con olio. Cosi ra bbella vìeru...*

*Roba di lusso.

Commenti

  1. E' perfetto, sei stata bravissima!!! Pochi sanno fare lo sfincione palermitano così alto e soffice...complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Ehi, curò, bùonu u facisti! ;)
    P.s. C'è un concorso da Giulia la Rossa sul cibo di strada, perchè non le spedisci la tua meravigliosa ricetta?
    baci

    RispondiElimina
  3. Bravissima con questa ricetta , ciao

    RispondiElimina
  4. Antonella, grazie, ottima ricetta!
    baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…