Vanillekipferl

Arriva l'Adventszeit e con essa tutto l'ambaradàn della biscotteria natalizia tedesca! Vi confesserò che quest'anno non ho avuto molta voglia di impastare roba, per ragioni di concentrazione sul lavoro, ma col fratello in arrivo dall'Italia uno che fa? Gli fa trovare uno dei migliori prodotti dell'ingegno teutonico: i Vanillekipferl ovvero cornetti alla vaniglia. I cugini tedeschi dei canestrelli che a lui piacciono tanto, ma arricchiti di mandorle e nocciole... il che manda all'aria qualsiasi proposito salutista, ma ne vale la pena...
La ricetta è quella consigliata da Hans-Peter Fink dell'hotel Sacher: tenete presente che l'impasto va preparato un giorno prima di usarlo. Risulteranno più di quaranta biscottini. Inoltre, è importante usare la vaniglia "vera", quella del baccello: la vanillina in questo caso non funziona a dovere.
  • 50 g. di mandorle macinate a farina;
  • 50 g. di nocciole macinate a farina;
  • 280 g. di farina 00 (#405);
  • 70 g. di zucchero a velo;
  • un pizzico di sale;
  • semi di un baccello di vaniglia;
  • 200 g. di burro a temperatura ambiente;
  • 2 tuorli d'uovo;
  • zucchero a velo misto a semi di vaniglia per spolverare.
Il procedimento è semplicissimo perché si tratta d'impastare tutti gli ingredienti in una pasta frolla normale, forse un po' più morbida, sagomarla in quattro rotoli, sottili, avvolgerli in pellicola e metterli a riposare in frigo per una notte. L'indomani l'impasto potrà essere tagliato a pezzetti con cui formare piccole mezzelune o cornetti. Si cuociono in forno preriscaldato a 180º e, ancora tiepidi, si spolverano con abbondante zucchero a velo. Per "maneggiarli" bisogna aspettare che siano freddi, altrimenti si sbricioleranno senza pietà: poi non ci saranno problemi e anzi sarà il momento di rotolarli letteralmente nello zucchero. Buoni...
Dimenticavo: la farina può essere sostituita da quella di riso, con possibilità di aumentare il quantitativo di mandorle e nocciole, e rendere i Vanillekipferl tranquillamente accessibili ai celiaci: in Germania sono in vendita confezioni di biscottini bio con questa modifica apposta per loro!

Commenti

  1. Adoro i vanillakipferl!!! Ma quelli che ho sempre provato a fare a casa non mi sono mai venuti buoni come quelli che faceva la nostra amica austriaca :((

    RispondiElimina
  2. Buonissimi, non vedo l'ora di provarli!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi