Passa ai contenuti principali

Pane di Venere

Un ricettario Bertolini degli anni Settanta, vero pezzo da museo, e per più di una ragione: innanzitutto la grafica, "come oggi non se ne trovano più", parto di una creatività tutta umana, quando Photoshop e Adobe Illustrator erano di là da venire;
poi per il linguaggio, che oggi suona particolarmente forbito e nello stesso tempo insopportabilmente vago in qualche indicazione (mai che si trovino informazioni serie sulle temperature di cottura... a parte un generico "forno caldo" o "moderatamente caldo"!). Aggiungi che a quei tempi mancava il lato pedantesco e guastafeste che oggi caratterizza tutti i ricettari, cioè l'indicazione degli apporti nutrizionali, triste contributo dell'impero americano, cosa che rende piacevolissima la lettura e soprattutto la realizzazione delle ricette. E poi c'è anche il versante, diciamo così, antropologico, visto che l'assunto di base è che in cucina ci stiano le donne, ed in particolare le mamme, a preparare pranzetti e dolci rigorosamente a beneficio dei familiari (non sia mai che se li mangino loro), per cui il lettore trova disseminati qua e là "Consigli alle buone mamme" e proclami vari che sponsorizzano il lievito Bertolini facendo leva sull'istinto della nutrice: "Mamme! I dolci preparati con il lievito Bertolini sono tanta salute per i vostri figli!"

Ci sarebbe di che scrivere una tesi di laurea, su questi ricettari che appartengono alla mia infanzia e che adesso (mi verrebbe da dire: per fortuna, in relazione a quegli aspetti lì che dicevamo) sembrano reperti archeologici. Noi però ci accontentiamo di quell'operazione che a casa mia (quella nuova: si vede che sono in partenza?) si chiama Rosinen herauspicken, cioè "piluccamento dell'uvetta": preleviamo ciò che ci serve e che ci piace, e in particolare qualche ricetta come questo dolce a base di fecola, parente del tedesco Sandkuchen - "torta sabbiosa"- friabilissimo e adatto alla colazione o merenda di tutta la famiglia. Per uno stampo da 24 cm:
  • 250 g. di fecola di patate;
  • 25 g. di farina 00 (#405);
  • 100 g. di zucchero;
  • 2 uova M;
  • 100 g. di burro morbido;
  • 60 g. di latte;
  • succo di mezzo limone;
  • una bustina di vanillina;
  • mezza bustina di lievito per dolci.

La realizzazione è davvero a portata di tutti: si monta il burro a crema con lo zucchero e la vanillina e si aggiungono via via i tuorli; si montano gli albumi a neve ben soda con un pizzico di sale. Alla pommade di burro si unisce poi la farina bianca setacciata con il lievito, il succo del limone, la fecola, il latte e infine gli albumi. Si versa la massa nello stampo imburrato e infarinato e si cuoce per 50 minuti circa, controllando con lo stecchino, in forno preriscaldato a 180°. La torta si serve fredda, spolverata di zucchero a velo, ad accompagnamento di una buona bevanda calda!

Commenti

  1. Sostituendo i 25 gr. di farina è pure gluten free!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…