Biscotti pirata con lo zucchero


...perché, di solito si fanno senza? Alludevo allo zucchero in superficie... e mica potevo rivelarvi, così a bruciapelo, che si tratta dell'ennesimo caso di pirateria, con cui stavolta prendo di mira i Galletti del Mulino Bianco. Non mi ricordo più dove ho trovato la ricetta, ma non mi era piaciuta, riuscivano durissimi, e allora ho modificato io: adesso li riconosco, forma a parte (ma no, la "stampatrice" industriale non posso procurarmela, dove la metto?
  • 220 g. di farina 00;
  • 30 g. di farina di riso;
  • 70 g. di zucchero a velo;
  • 60 g. di margarina;
  • 75 g. di latte;
  • un pizzico di sale;
  • 1/2 bustina di lievito per dolci;
  • una bustina di vanillina;
  • zucchero semolato per spolverare (più grossi i grani, meglio è).
Altro passo avanti nell'indipendenza dalle grandi marche... i fautori dell'autoproduzione saranno contenti! E poi, facile che più non si può: tutti gli ingredienti vanno impastati insieme, tranne lo zucchero semolato, in una pasta frolla da stendere in una sfoglia sottile (la superficie va infarinata, ma la pasta si lascia maneggiare con facilità) e tagliare a rettangoli. Spennellateli di latte, spolverateli con lo zucchero e cuoceteli a 180º per quindici minuti.

P.S. ho appena corretto alcuni ingredienti perche' li avevo trascritti male!

Commenti

  1. Della forma o dell'immagine non è che poi ci interessi molto, gli ingredienti innanzi tutto.
    Grazie pe la ricetta!

    RispondiElimina
  2. Si possono dare le forme che si vuole, ma sembrano proprio buoni.
    Mandi

    RispondiElimina
  3. Ho letto le tue ultime ricette e ti ringrazio per quella stupenda torta di mele! Anche questi biscotti mi piacerebbe rifare, perché a Daniele piacciono molto... ma abbiamo scoperto che è celiaco come la mamma... se sostituissi tutta la farina con la farina di riso?
    Baci
    P.s. Io non parto con la scuola, ma i miei alunni saranno a Berlino alla fine di marzo.... piango tanto di non poterci essere... :(((

    RispondiElimina
  4. non lo so, secondo me cambia il sapore... prova quelli che ho chiamato fiori di riso, quelli sono tutti a prova di celiaco!
    che peccato epr Berlino.... ma a questo punto venite in privato! ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi