Passa ai contenuti principali

Biscotto Pain-Croûte (taroccato)

Credo di aver battuto tutti i miei record personali di assenza dal blog per cause di forza maggiore, alcune identificabili (leggi: lavoro) e altre più inquietanti e misteriose (leggi: esito fallimentare o poco più di molte delle ore passate in cucina tra metà gennaio e adesso, con conseguente arrabbiatura e dichiarazione di guerra tra me e la cucina stessa). I vari fattori erano probabilmente connessi, nel senso che nel pensare al lavoro lasciato in sospeso si combinano guai e la fretta e il pasticciere sono nemici giurati...
Ci sono delle valide ragioni per risparmiare al lettore molte ricette appena provate: una galleria di tipo fantozziano in cui spiccano i buonissimi biscotti con olio d'oliva suggeriti da non so più quale sito, che sapevano d'insalata, mancava solo il pepe, e dire che l'olio in mio possesso non era "solo" E.V., era assolutamente casto, cresciuto all'educandato, sorvegliato a vista, arcisuperstrabiologico - eppure niente, una porcheria, li abbiamo buttati. Per mia consolazione, ho ancora una fila di ricette ben collaudate da inserire, che attendono lì in archivio da chissà quando, e gli ultimi giorni sembra che stiano segnando un'inversione di tendenza: speriamo che duri!
Cominciamo quindi da un classico come i biscotti Pain-Croûte. Lazzaroni li fa, e più lazzarona ancora io che glieli tarocco. Perché sono tra i pochissimi biscotti di produzione industriale che mi piacciano, e (ovvio no?) tra i pochissimi di produzione italiana che non si trovano a Berlino nemmeno nei negozi italiani. Ho provato a cercarli sui siti francesi, ma niente. Allora si parte col metodo filologico, interrogando l'etichetta commerciale e approfittando della confortante presenza di Frankenstein, il lievito madre. I primi esperimenti sono stati fatti, appunto, per riciclare la pasta dei rinfreschi, e poi è diventata una cosa seria!
Quindi chi volesse cimentarsi nei Pain-Croûte autoprodotti deve disporre di:
  • 50 g. di pasta madre (da rinfrescare);
  • 80 g. di farina 00;
  • 50 g. di zucchero;
  • 20 g. di amido di grano;
  • 20 g. di margarina;
  • 20 g. di latte in polvere (circa 2 cucchiai);
  • la punta di un cucchiaino di ammoniaca;
  • una bustina di vanillina;
  • acqua per impastare.
Si parte dallo sciogliere la pasta madre in un poca acqua per ammorbidirla, impastando poi il resto della farina e tutti gli ingredienti in una pasta frolla morbida, ma non collosa: deve staccarsi dalle pareti del recipiente. La margarina, in questo, vi aiuterà. Lasciamo riposare la palla, coperta, per tre ore o anche più e poi spianiamo l'impasto in una sfoglia sottile. Si può anche operare con la sfogliatrice, la macchina per la pasta, lavorando con piccole porzioni di impasto, e in questo caso vi consiglio lo spessore 3. La sfoglia va tagliata a strisce (i biscotti in commercio sono proprio così, e si spezzano alla bisogna) o a rettangoli, come ho fatto io per comodità; li pungiamo con la forchetta e li facciamo dorare a 170º per circa un quarto d'ora. Si conservano molto a lungo nella scatola di latta, restano croccanti e sono buonissimi da soli o con marmellata o altro, al posto delle fette biscottate.
E adesso, se proprio non vogliono importarli... io faccio da me.

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…