Passa ai contenuti principali

Rugelach

I Rugelach sono dolcetti tipici della tradizione ebraic0-americana e sono fatti con quella che anche in Italia è nota come "la sfoglia finta", cioè con un impasto a base di cream cheese di semplice e rapida lavorazione, ma che si scioglie in bocca... Volete un testimone? e io ce l'ho: Philip Roth, uno dei miei autori preferiti, specie quando ho nostalgia degli USA. Il suo romanzo Pastorale Americana inizia con una riunione di ex allievi di un liceo del New Jersey, diplomati nel 1950: alla fine ciascuno si porta a casa un ricordo della serata, una tazza da caffé (di quelle grandi per il caffé americano che gli italiani snobbano - tutti tranne me) pieno di rugelach,
"each a snail of sugar-dusted pastry dough, the cinnamon-lined chambers microscopically studded with midget raisins and chopped walnuts". Sul protagonista, Nathan Zuckerman, i dolcetti avranno lo stesso effetto che il sapore della madeleine su Proust...
La ricetta che uso io è quella della Williams-Sonoma, che fondamentalmente coincide con quella di Elizabeth Wolf-Cohen (New Jewish Cooking, Apple Press, 1994). Con queste dosi otterrete ventiquattro pasticcini.
  • 180 g. di farina 0 (# 550; le ricette indicano la all purpose e non la cake flour, che in Italia è la 00);
  • 1 cucchiaio 1/2 di zucchero;
  • un pizzico di sale;
  • 125 g. di Philadelphia o altro formaggio cremoso;
  • 125 g. di burro a pezzetti;
  • 30 g. di panna acida;
  • una bustina di vanillina.
Questi ingredienti vanno impastati rapidamente giusto finché non si combinano insieme; poi l'impasto, che sarà morbido e appiccicoso, andrà diviso in due porzioni uguali. Formeremo con esse due dischi di dieci centimetri di diametro, da avvolgere in pellicola e mettere in frigo almeno per un'ora e mezza o anche fino all'indomani.
Al momento di confezionare i pasticcini preriscaldiamo il forno a 190º e infariniamo bene la superficie di lavoro. Stendiamo ogni disco in una sfoglia di 25 cm di diametro e vi spalmiamo sopra il ripieno. Vi dico prima il "mio", quello della foto, che rappresenta una delle varianti più note (almond-raspberry rugelach):
  • 125 g. di marmellata di lamponi, unito a
  • 30 g. di mandorle macinate.
Terminata questa operazione bisogna dividere il disco di pasta in dodici spicchi e arrotolare ciascuno di essi a cornetto, partendo dalla "base". Mettiamo i cornetti sulla teglia rivestita e poi, a piacere, li spennelliamo con latte spolverandoli di zucchero e cannella per poi cuocerli per 20-25 minuti, finché non sono dorati.
Questo è invece il ripieno di cui parla Roth:
  • 80 g. di marmellata di albicocca;
  • 45 g. di uvetta sultanita;
  • 60 g. di noci pecan tostate e grossolanamente tritate.
In un contenitore ermetico potrete conservarli fino a 4 giorni.

Commenti

  1. Mia cara, queste ultime ricette sono tutte assolutamente poibitive per me... però voelvo dirti che spero di venire a Berlino in estate... ma tu ad agosto, ci sei?

    RispondiElimina
  2. Sei bravissima. Buon inizio settimana
    Mandi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…