Passa ai contenuti principali

Pain d'épi o baguette con lievito madre (Richard Bertinet)


Me ne ha fatto fare di cattivo sangue, il buon Frankenstein: non vi nasconderò che quando ho scritto che mi stava dando soddisfazioni, stavo parlando troppo presto. In fondo, cosa avevo prodotto di speciale? Il pane toscano, e non ci vuol molto, e gli Splitterbrötchen, che avevano richiesto un po' più di lavoro e di tentativi, ma era la fortuna del principiante. Poi, il dramma: cho dovuto fare parecchi esperimenti prima di riuscire a fare dell'altro pane che valesse la pena di chiamare così, per capire soprattutto i tempi di lavorazione e i rapporti tra la quantità di lievito e il resto degli ingredienti...
Alla fine, un po' il provaeriprova, un po' la ricerca di documentazione in materia di lievitazione naturale e alla fine anche il contributo del guru Bertinet mi hanno dato una mano... ed eccovi qua il pain d'épi. Si tratta di una variante della baguette francese: l'impasto è lo stesso e vi darà un pane di morbidezza strepitosa e molto fragrante. Mi riporta a una decina d'anni fa, quando con le amiche in Erasmus andavamo a comprare le baguettes in Belgio, e ce le finivamo per strada. Ma questo è migliore, perché è più profumato e soprattutto non è precotto come il pane che compravamo noi!
Ormai è tanto che lo preparo e la penultima volta avevo scattato anche le foto, poi andate perdute... Adesso rimedio.

Queste le dosi per due pain d'épi, due baguettes lunghe o quattro piccoline. Particolare erudito, la baguette, in Francia, è vincolata ad una precisa grammatura, ognuna deve pesare 320 grammi esatti e presentare sette tagli in diagonale, non sei e non otto: ma io, diciamo la verità, personalmente me ne frego e vado ad occhio.
Se mai, è importante sapere che tempi dovremo prevedere: contate su sei ore di lievitazione e mezz'ora di cottura.
  • 350 g. di farina francese T65 per baguettes; in alternativa farina 0 (#550).
  • 100 g. di pasta madre da rinfrescare;
  • 10 g. di sale;
  • 250 ml. di acqua;
  • 1 cucchiaino di malto.
Sciogliere il lievito nell'acqua con il malto, e impastare con la farina mista al sale; usare la frusta K a velocità 1. Cambiare attrezzo e inserire il gancio, e fare lavorare l'impastatrice, prima a velocità media e poi aumentando gradualmente fino a 2,5, per una decina di minuti: la massa sarà morbida, ma presto incorderà e si staccherà dalle pareti della ciotola.
Suddividere l'impasto in due o in quattro e lasciare da parte in luogo tiepido per quattro ore, coperto. A lievitazione avvenuta formare le baguettes allungando e stendendo leggermente la porzione - attenzione a non fare uscire troppa aria dall'impasto - e poi arrotolandola su se stessa a bastone. Lasciare lievitare un'ora, coperto con un canovaccio infarinato. Incidere la superficie e poi lasciare ancora per un'ora a lievitare. Il pane deve cuocere per i primi dieci minuti a 220º, poi per 25 minuti circa a 180º, umidificando se possibile il forno. Se volete realizzare il pain d'épi o pane a spiga, è anche più facile; una volta data la forma di baguette, lasciate lievitare un'ora e mezza, poi con un paio di forbici da cucina leggermente unte tagliatela in quattro o cinque pezzi che lascerete parzialmente attaccati alla base: spostateli lateralmente in senso alterno, verso destra e verso sinistra. Otterrete la forma di una spiga. A questo punto il pane può essere infornato direttamente. Questo formato è molto comodo perché rende facilissimo porzionare il pane a tavola e secondo me favorisce molto la "resa" della pasta in cottura. L'unico problema è che... ne restasse mai un pezzetto per l'indomani!



Commenti

  1. Molto bello questo pane!dovrò provarlo ^_^ ho visto anche la focaccia....complimentissimi!

    RispondiElimina
  2. che bella la tua baguette... cercavo una ricetta che la proponesse con pasta madre e la tua è quella che mi ha intrigato più di tutte :) In questo fine settimana (che casualità vuole sia quello di pasqua) la provo :)
    grazie buona serata

    giulia

    RispondiElimina
  3. Appena provata... davvero un'ottima ricetta! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…