Ravioli ai ceci di Montelepre

Era da un po' che desideravo prepararli senza mai avere il... coraggio di farlo: perché, frittura; e so benissimo di essere capace di farli fuori tutti. Una volta mi disinteressavo completamente di quanto potesse essere "pesante" il contenuto del mio piatto, e vi confesserò che era più bello.
Aspettavo, quindi, un'occasione conviviale, con ospiti o qualcosa del genere; ed è capitata a fagiolo una cena con i colleghi proprio l'ultima domenica di Carnevale. Perché non portare un dolce davvero carnascialesco? E allora ho pensato di fare conoscere queste frittelle dal ripieno un po' particolare, che sono tipiche di Montelepre (PA) dove le trovate soprattutto in questo periodo e in occasione della festa di san Giuseppe. Hanno funzionato a dovere... e dire che ne avevo preparate poche, perché pensavo che chissà, all'udire che il ripieno è fatto di ceci, penseranno a un sapore di zuppa...
E invece non c'entra niente la zuppa, e il risultato non è molto diverso da una normale marmellata o crema di marroni, provare per credere.

Sfoglia:
  • 300 g. di farina 00 (#405);
  • 100 g. di margarina;
  • 2 cucchiai di zucchero semolato;
  • un pizzico di sale;
  • una tazzina di Marsala.
Ripieno:
  • 300 g. di ceci tenuti a bagno per 24 ore;
  • una foglia d'alloro;
  • 100 g. di miele;
  • 40 g. di zucchero
  • una bustina di vanillina;
  • 50 g. di mandorle tostate;
  • buccia grattugiata di un limone;
  • un pizzico di cannella in polvere;
  • 20 g. di cioccolato fondente tritato.
Per la sfoglia, lavoriamo la farina con la margarina a pezzetti e gli altri ingredienti, formiamo una palla e la lasciamo riposare un'ora in luogo tiepido.
Per quanto riguarda il ripieno, i ceci vanno lessati in pentola a pressione (altrimenti in pentola normale, ma, ahimé, per quattro ore) in acqua bollente non salata, se mai con un pizzico di bicarbonato. Appena cotti, li frulliamo (ideale sarebbe passarli al passaverdura, ma con un buon omogeneizzatore va bene anche senza) e li mescoliamo con le mandorle tostate e tritate finemente, la buccia del limone, lo zucchero e la cannella. Stendiamo l'impasto in una sfoglia fine e la ritagliamo a dischetti di circa 6 cm. di diametro; li farciamo con un cucchiaino abbondante di crema e li richiudiamo a mezzaluna pressando bene i bordi per sigillarli.
I ravioli si friggono a temperatura bassa (170º circa), tenendo conto che la loro cottura è molto rapida: si colorano in fretta e bisogna evitare di distrarsi per non lasciarli bruciare. Appena pronti, si spolverano di zucchero a velo e cannella.
Il prossimo Carnevale, doppia dose...

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi