Mohnkuchen-Ciambella al papavero

Infame, infamissima pioggia, che mi sta rovinando il sabato. E il sabato è sacro!!! Ma nel Brandeburgo, il paradisiaco Brandeburgo di inizio luglio, si passa come niente dall'estate all'inverno, e con un tempismo davvero beffardo: trenta gradi quando si vorrebbe uscire ma bisogna lavorare, dodici con pioggia battente e vento quando sarebbe il momento di prendersi una pausa. Era sacro, quindi. Sarebbe. Almeno in teoria. 
Ne approfitto per postare un po' di roba arretrata... come questa. La ciambella tradizionale, molto morbida e per nulla asciutta, viene arricchita da un ripieno di papavero. La ricetta è del team di So backt Südtirol, ed è molto facile da realizzare. Prima di tutto la farcitura:
  • 125 ml. di latte;
  • 30 g. di amido;
  • 75 g. di zucchero;
  • 100 g. di semi di papavero macinati (col macinino del caffé o col mortaio... ci vuole un po', ma è possibile);
  • un uovo.
Si mescolano latte, zucchero amido; si aggiunge il papavero e si porta ad ebollizione, sempre mescolando. Dopo aver lasciato raffreddare un po', potremo aggiungere l'uovo: ed è fatta. Per l'impasto invece servono
  • 250 g. di burro;
  • 175 g. di zucchero;
  • 1 bustina di zucchero con vaniglia Bourbon;
  • un pizzico di sale;
  • 3 uova;
  • 50 g. di amido di grano o farina di riso (posso dirlo con certezza: una volta che non avevo l'amido, ho usato la farina di riso, è andata alla grande);
  • 100 ml. di latte;
  • 350 g. di farina 00 (#405);
  • una bustina di lievito per dolci.
Ovviamente il burro dev'essere a temperatura ambiente, le uova pure... ça va sans dire. Per cominciare il burro va lavorato a crema ben montata, prima da solo, poi con lo zucchero, lo zucchero vanigliato e il sale. Le uova le aggiungiamo una dopo l'altra, amalgamando bene prima di procedere all'aggiunta successiva. A seguire, aggiungiamo il latte in cui avremo sciolto l'amido o la farina di riso, e per ultima la farina setacciata con il lievito.
Versiamo metà dell'impasto nella forma prescelta; distribuiamo sopra la farcitura e "richiudiamo" con l'altra metà dell'impasto. Lasciamo cuocere per un'ora in forno già caldo a 180º e poi facciamo raffreddare su una gratella. Prima di servire, il dolce va spolverato con zucchero a velo.

Commenti

  1. ho tanto papavero,comprato in polonia e questa torta mi sembra ok per consumarlo,sembra buonissima!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi