Passa ai contenuti principali

Mediterraneo


La sposa più tenera del mondo si chiama Paola ed il fortunato futuro marito è mio fratello. Questa è la torta che ho inventato per la cena organizzata dalle amiche come addio al nubilato. Si ispira alla meta del viaggio di nozze, Creta: ho cercato quindi di riassumere l'atmosfera delle isole greche in un dolce con i sapori dell'estate, leggero e cremoso, composto da una base di pan di Spagna molto soffice, una mousse allo yoghurt, fichi freschi e gelatina al vino zibibbo. Provatela, ne vale la pena!
Per la base mi servo di una ricetta da Cookaround, che uso per torte morbide a base di frutta ad un solo strato.

Pan di Spagna:
  • 25 g. di farina 00 (#405);
  • 25 g. di zucchero;
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci;
  • 3 uova medio-grandi.
Mousse allo yoghurt:
  • 200 g. di yoghurt greco intero;
  • 250 g. di panna da montare;
  • 7 g. di gelatina in fogli;
  • 120 g. di zucchero a velo;
  • Una bustina di vanillina;
  • La punta di un cucchiaino di cannella in polvere;
  • 3-4 cucchiai di marmellata di pesche o fichi.
Gelée allo zibibbo: 125 g. di acqua;
  • 125 g. di vino zibibbo (in alternativa passito, moscato, malvasia);
  • una bustina di Tortagel.
  • Fichi freschi bianchi e neri per guarnire (ne serviranno circa 10)
Se venticinque grammi di farina vi sembran pochi... fidatevi lo stesso: il segreto per la riuscita della base è la montatura perfetta delle uova, che a differenza dal metodo che uso di solito, vanno utilizzate intere e montate con lo zucchero e tre cucchiai rasi d'acqua bollente molto a lungo, finché non raddoppiano di volume e non diventano chiarissime e spumose. Solo allora potremo aggiungere la farina setacciata col lievito, versare la spuma in uno stampo da crostata - quelli con l'incavo - imburrato e infarinato e poi cuocere in forno caldo a 170° per una decina di minuti, fino a un quarto d'ora a seconda del forno. Il guscio si lascia raffreddare, meglio a faccia in giù: una volta freddo si staccherà senza problemi dallo stampo.
Per la mousse, si parte dalla gelatina da ammollare in acqua fredda,  sciogliere a fuoco lento e lasciare intiepidire. Si mescola bene lo yoghurt con  lo zucchero, la vanillina e la cannella e a parte si monta la panna, a parte un paio di cucchiai che serviranno per stemperarvi la gelatina, perché non formi dei grumi. Yoghurt, panna e gelatina vanno infine incorporati bene e versati nel guscio di pan di Spagna, dopo averlo spalmato di marmellata - uno strato sottile sarà più che sufficiente, migliorerà il sapore ed eviterà che la base si ammorbidisca troppo. Sulla crema si dispongono i fichi tagliati a spicchi, per poi completare con la gelatina ottenuta sciogliendo il Tortagel nella miscela di acqua e zibibbo. Con il liquido ottenuto, intiepidito, spennelleremo generosamente i fichi. La torta va adesso in frigo per due o tre ore almeno, prima di essere servita da sola o accompagnata da un biccherino di liquore. Kali orexi!

Commenti

  1. Un grandissimo augurio di immensa felicità agli sposini...ma Paola è già fortunatissima con una cognata come te, bacioni, Flavia

    RispondiElimina
  2. Esperimento perfettamente riuscito, auguri agli sposini e a te complimenti, la torta è davvero spettacolare!

    RispondiElimina
  3. Bella torta!chissa' che addio al nubilato:-) ciao

    RispondiElimina
  4. Cioè, sei a Palermo???? E non ti sei fatta sentire???? Chiamami!!!
    P.s. Se bastano 25 grammi di farina, allora posso sostituirli con la farina di riso... che dici?

    RispondiElimina
  5. "Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
    Per sfogliarlo gratis clicca qui:

    http://www.openkitchenmagazine.com/

    Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

    http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

    Un abbraccio,
    il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

    ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
    http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
    Te ne saremmo davvero grati! ^.^"

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…