Torta soffice alle more selvatiche

La vita dell'espatriato è bella, anche se non è sempre una passeggiata di salute: non fosse perché, di sicuro, consente esperienze che non si sarebbero mai fatte! Una di queste è andare, di mattina presto presto, a raccogliere le more selvatiche; quelle vere, grosse e sugose, che in Sicilia ci sognamo. Sì, chiaro che si trovano, ma il succo? Probabilmente i rovi hanno bisogno di acqua, pioggia, neve... queste sconosciute.
Chiaro che nel Brandeburgo vengono fuori certe more spettacolari... e io, approfittando dell'allenamento sportivo, ad agosto uscivo col sacchetto nella tasca della tuta, e appena arrivavo in un certo posto che so io dove cresce un roveto, vai con la raccolta. Risultato: marmellata di more in quantità e una bella torta di more per il compleanno di mio marito. Da consigliare assolutamente, perché è soffice, leggera e profumatissima, però  devo precisare che la ricetta non è mia: purtroppo non mi ricordo più dove l'avevo trovata e mi scuso in partenza se qualcuno la riconoscerà per sua.
Servono, per uno stampo da 24-26 cm.:
  • 150 g. di farina 00 (#405);
  • 75 g. di burro o margarina;
  • 75 g. di zucchero;
  • 2 uova M;
  • 400 g. di more, lavate e ben scolate;
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • un pizzico di sale.
  • 75 g. di zucchero Mascobado o Syramena - insomma, di canna;
  • 75 g. di farina; 
  • 75 g. di burro;
  • 1 cucchiaino di cannella (io ne metto mezzo per ingannare il marito...);
  • 1 tazzina di latte.
Rapidità assicurata: si lavorano i primi 75 g. di burro a crema, si aggiungono gradualmente zucchero, uova intere, farina, sale e lievito. Il composto si versa nella teglia imburrata e infarinata e si ricopre con le more, distribuendole uniformemente. A parte si mescolano gli altri 75 g. di burro, lo zucchero di canna, la farina e il latte con la cannella: si otterrà un impasto fluido da "spalmare" sulle more prima di cuocere il dolce in forno calso a 200° per circa 45 minuti. Zucchero a velo e possibilmente gelato alla vaniglia o allo yoghurt, crème fraiche o panna leggermente montata e non zuccherata faranno la parte della... ciliegina.

Commenti

  1. Che bella, poi l'idea che sia fatta con la marmellata fatta in casa, che delizia!!! Un bacione

    RispondiElimina
  2. no, la marmellata non c'è, queste sono solo more "nature"! la marmellata ce la siamo fatta fuori sulle fette biscottate...

    RispondiElimina
  3. Ciao Antonella
    complimenti per il tuo blog.
    anche io ne sto costruendo 2 piccolini,avrei piacere se tu li andassi a visitare. Come si
    vive in Germania?
    Mipotresti dire se hai una mail,per poterti
    contattare.
    Grazie per la tua attenzione,ti auguro
    una buona serata
    Filomena
    http://filonci.blogspot.com/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi