Passa ai contenuti principali

Tordus du Gers (Basile Kamir)




Gers è il nome d'una regione dei Pirenei francesi, e da lì viene questo buonissimo e soffice pane dalla curiosa forma ritorta. Francese sì, ma per una volta l'autore della ricetta non è Bertinet: cambiamo guru. La prendo da Basile Kamir, Tous les pains, ed. Hachette pratique; un libro con cui, all'inizio, non sono andata molto d'accordo, prima di capire che il motivo stava nella dfficoltà di individuare a quale cavolo di farina tedesca corrispondessero le sigle delle farine francesi...
Ai miei lettori questo problema è risparmiato, ci penso io, una volta trovata la soluzione. Con queste dosi otterrete 3 pani da 200 grammi.
  • 225 g. di farina 0 (# 550, e, sì, in origine detta anche T55!!!)
  • 75 g. di farina di segale;
  • 175 ml. d'acqua a 27 gradi;
  • 115 g. di lievito madre;
  • 5 g. di lievito di birra fresco;
  • 5 g. di sale fino.
Mescolate le farine, unite l'acqua (a fontana o nell'impastatrice) e lavorate fino ad ottenere un impasto morbido (5 minuti a mano, un paio di minuti con l'impastatrice, frusta K e velocità minima). Lasciate riposare, coperto con un panno umido, per 35 minuti circa a temperatura ambiente.
Al termine del riposo incorporate il lievito madre e il lievito di birra sbriciolato, impastate 5 minuti (sempre a velocità minima), poi agigungete il sale e continuate a lavorare l'impasto ancora per 5 minuti. Modellate la pasta a palla, copritela col canovaccio umido e lasciatela lievitare in luogo tiepido per un'ora. Quando sarà raddoppiata, fatela "sgonfiare" col dorso della mano, ripiegatela su se stessa e dividetela in tre porzioni di circa 200 grammi ciascuna; date a ciascuna porzione una forma a palla, come si fa con la pasta della pizza, e lasciatele riposare un quarto d'ora. 
Per dare al pane la forma definitiva, formate con ogni boccia un bastone lungo come la vostra teglia. Si procede appoggiando la pasta, dal lato "tondo", sul piano leggermente infarinato, appiattendola e ripiegandola: la mano sinistra deve servire a farla rotolare su se stessa, la destra a "richiudere" la pasta col palmo. Si ripete l'operazione per un paio di volte, per ottenere un serpentello regolare. E adesso viene il bello: appoggiatevi sopra con il manico d'un cucchiaio di legno, nel senso della lunghezza, per dividerlo in due metà uguali, che avvolgerete su se stesse.
Forse è meglio se la prossima volta faccio un video. Promesso.
Mettete i tordus sulla teglia rivestita di carta forno e lasciateli lievitare per un'ora. La cottura avviene in forno caldo a 230 gradi con un piccolo recipiente d'acqua alla base, per circa mezz'ora; se necessario abbassate a 180 gradi se il pane si scurisce troppo presto. 

Commenti

  1. come mi piace questo pane.
    io sono proprio appassionata,ci proverò senz'altro.un bacio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…