Crumpets

Nostalgie americane e la necessità d'impegnare in qualche modo un po' del fedele Frankenstein senza fargli il torto di buttarlo via hanno portato negli ultimi tempi ad appuntamenti fissi con i crumpets. Cioè con quei panetti di pasta lievitata, tipici delle colazioni anglosassoni, che si caratterizzano per la struttura a spugna, piena di buchini che sembrano fatti apposta perché ci si cacci dentro la marmellata: anche se di per sé, non sono dolci, e anzi la loro natura assolutamente neutra li porta ad andare a nozze perfino con l'uovo strapazzato col bacon.
Con cui, però, non vado d'accordo io e presumo una buona parte degli italiani.
In California me li compravo al supermercato, e non avendo esperienza in fatto di fermentazione mi chiedevo sempre com'è che avessero quest'aspetto bucherellato. Adesso che lo so, passo parola, perché i crumpets non saranno probabilmente la quintessenza della bellezza, ma buoni son buoni, altro che, e come vi dicevo prima raccolgono la marmellata che è un piacere. 
Provateli come soluzione di riciclo per la pasta madre e vi ritroverete in seguito a prepararli apposta. Il bicarbonato neutralizza l'acidità in eccesso, e rimarrà soltanto un leggero aroma che è la loro caratteristica tipica. Per l'accompagnamento non c'è che l'imparazzo della scelta. Io dicevo marmellata, ma gli amanti della Nutella potranno pensarla diversamente, e comunque il meglio di sé i crumpets lo danno con lo sciroppo d'acero!!! 

Quanta pasta madre volete far fuori? Facciamo 120 grammi? Ebbene, facilissimo. Normalmente la pasta madre è fatta da 1/3 di acqua e 2/3 di farina, e noi dobbiamo fare in modo che invece sia idratata al 100%, perché diventi fluida. Quindi, in questo caso, supponendo che il nostro panetto si componga da 80 g. di farina e 40 g. d'acqua, aggiungiamo altri 40 grammi d'acqua e siamo alla pace.
Dovremo ottenere una pastella fluida, a cui aggiungiamo (per la quantità che abbiamo detto, altrimenti regolate in proporzione):
- 1 cucchiaino di zucchero,
- 1/2 cucchiaino di bicarbonato,
- un pizzico di sale.
Quelli che compravo in America certe volte avevano nell'impasto anche mirtilli, more o lamponi, e appena arriva la stagione giusta voglio riprodurli.
Facciamo riscaldare bene una padella antiaderente, e volendo ne ungiamo leggermente il fondo. Prepariamo, se sono a disposizione, delle forme rotonde e ungiamo bene il bordo (quello sì che è indispensabile, sarà più facile staccare i panini);  le posizioniamo dentro alla padella e ci versiamo dentro un paio di cucchiaiate di pastella, deve arrivare a un centimetro e mezzo dal bordo. I crumpets richiedono un po' di pazienza, devono cuocersi con calma per un tempo che dipenderà dai vostri fornelli: vanno spostati ogni tanto per assicurarne la cottura uniforme, ma solo dopo che vedete la superficie consolidarsi e diventare opaca e, per l'appunto, con i buchini. Mentre cuociono, si restringeranno un po' staccandosi dai bordi. Normalmente andrebbero cotti da un lato solo, ma volendo nulla impedisce di girarli, una volta pronti, per dorarli anche dall'altro. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi