Savoiardi sardi

Su questo blog c'è tutta una collezione di savoiardi, ma il modello sardo, soffice e formato maxi, ancora mancava. Veramente li compravo: si trovavano in un grande magazzino di Alexanderplatz, e venivano dritti dalla Sardegna, ma negli ultimi tempi non ci sono più e allora ho dovuto risolvere il problema alla radice, prova e riprova e cerca qua e là. Per modello sardo s'intende quello base... di tutte le varianti dei vari paesi non m'intendo, in fondo io di Palermo sono!
Tenendo conto del fatto che per fare i savoiardi sardi ci vuole unicamente farina, uova e zucchero, alla fine il risultato che volevo l'ho ottenuto così:
  • 4 uova, separate;
  • 95 grammi di farina;
  • 90 grammi di zucchero,
procedendo però con un metodo leggermente diverso da quello che uso di solito, perché ho trovato alcuni consigli sul forum Gente di Sardegna: la maggior parte dello zucchero (70 g.) la uso per montare gli albumi a neve fermissima, e quella che resta per i tuorli, aggiungendo durante la lavorazione una cucchiaiata d'acqua calda. Inoltre incorporo i tuorli agli albumi e non viceversa, ed a seguire la farina setacciata  (mi piacerebbe poter scrivere, come altre volte, che non è il caso di fare i fanatici... e invece sì, fondamentale! movimento dal basso verso l'alto, e mano leggera con le spolverate di farina).
Benedicendo quello che ha inventato i sacs à poches usa e getta, porziono il composto d'uova sulla teglia ricoperta di carta forno e lo spolvero con abbondante zucchero, lasciandolo riposare per una decina di minuti al fresco prima di cuocere i biscotti a 160 gradi per circa 15 minuti. Sono molto fragili appena cotti, quindi li lascio ancora per qualche minuto in forno con lo sportello leggermente aperto e poi sulla griglia a raffreddare. Dopo qualche ora possono essere conservati nella loro scatola senza problemi. Direi che a questo punto non li compro più...

Commenti

  1. stupendi!!cercavo da tempo questa ricetta, di solito li acquisto questi savoiardi morbidi, li proverò!!grazie!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova, poi fammi sapere: ce ne sono tante di ricette in rete, alcune anche da parte di gente "superquotata", ho provato ma non erano loro, anche se buoni. mi pare che fosse un problema di proporzioni tra gli ingredienti... sono curiosissima di sapere i vostri pareri!

      Elimina
  2. Buoni prendo nota non li ho mai fatti. Grazie.

    RispondiElimina
  3. Ti sono venuti una meraviglia e chissà che bontà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono buonissimi, ma per quanto riguarda il lato estetico prima di arrivare a uno bello ne vengono fuori tre brutti- perché bisogna "fare la mano" con la tasca da pasticceria, non è il mio forte-ma anche quelli brutti si fanno fuori lo stesso! ;)

      Elimina
  4. Ricetta interessante, li vedo già in un delizioso ricottamisù!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi