Ghribia



Ghriba, ghoriba, ghribia è il nome con cui sono noti in Marocco questi pasticcini arcistrafrolli, altrimenti conosciuti come mantécaos o montécaos: e da qui si capisce che vengono dalla Spagna, dove venivano realizzati con strutto... improponibile in aree musulmane e per questo sostituito con olio. Si presentano fragilissimi, con un cuore croccantino e una volta in bocca liberano un finissimo aroma di limone e cannella. Ne esistono molte varianti, alle mandorle, al pistacchio, con burro, con semola etc.; questa è la più semplice, diciamo basic, che mi ricorda tanto certi biscotti che si trovano qui nelle pasticcerie turche (in qualche modo forse i modelli si ripropongono con una certa somiglianza... devo indagare).
Il bello è che sono talmente semplici che in dieci minuti vi sbrigate, compresa la sagomatura, e che potete aggiustare le dosi come volete voi; derivo infatti la ricetta dal confronto tra diverse autrici di blog pasticceri marocchine (tra cui Les joyaux de Sherazade e l'infallibile Leila di Saveurs d'ailleurs), che l'hanno "ereditata" dalle mamme e parenti varie, quindi come spesso accade in questi casi si procede a "misura". Usate lo stesso recipiente per dosare tutti gli ingredienti e non ci saranno problemi.
  •  2 misure e 1/2 di farina 00 (#405);
  • 3/4 della misura di zucchero;
  • 1 misura d'olio di mais o girasole;
  • Buccia grattugiata di limone;
  • Un po' di zucchero vanigliato, facoltativo;
  • Cannella per spolverare.
Impastate tutti gli ingredienti, utilizzando l'olio per intridere la pasta: non va aggiunta acqua in nessun caso. Formate delle palline o dei conetti, voglio sperare più belli di quelli che riescono a me che nella sagomatura biscotti non ho pazienza, e fateli cuocere per 10 minuti a 180 gradi dopo averli leggermente spolverati con cannella (nella foto ne vedete alcuni decorati con mandorle per accontentare l'Odiatore della Cannella). La cottura è molto rapida, non devono colorirsi. Aspettate che siano freddi prima di prenderli perché altrimenti si sbriciolano.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi