Biscotti secchi algerini


Squisiti biscotti che ci insegna a fare Djouza, sul suo blog Ma cabane aux délices; e siccome lei deve avere più pazienza di me nell'attorcigliarli, i suoi son tanto più carini! Vedete voi se curare o meno il lato artistico della faccenda, in ogni caso vi garantisco la squisitezza del risultato. A me piace aggiungere all'impasto buccia di limone o una grattatina di fava Tonka, che dà un aroma molto particolare e si accompagna benissimo alla vaniglia.

  • 120 ml. di olio o miscela olio-burro fuso;
  • 200 g. di zucchero fine;
  • 1/2 bustina di lievito per dolci (8 g.);
  • vaniglia;
  • 3 uova;
  • circa 500 g. di farina 00/#405, (a seconda della capacità d'assorbimento);
  • rosso d'uovo per spennellare (da me non lo troverete quasi mai... causa retrogusto!)
Miscelate olio e zucchero, poi aggiungete le uova ad una ad una, la vaniglia, il lievito e la farina fino a ottenere una pasta liscia e non appiccicosa. Coprite e lasciate riposare mezz'ora. Prendete delle palline, formate con esse dei serpentelli di 1 cm. di diametro e 30 cm. di lunghezza all'incirca, piegateli in due e attorcigliateli su se stessi. Tagliate delle porzioni di 10 cm. e formate con esse i biscotti. Spennellate d'uovo, se proprio vi va, e poi cuoceteli a 150 gradi finché non sono dorati. Si conservano in una scatola ermetica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi