Passa ai contenuti principali

Gâteau brioché... universale

Ci mancava solo la foto fatta con l'I-Pad, poi abbiamo proprio toccato il fondo... Che posso farci, la torta l'avevo portata a una festa, dimenticando di documentarla regolarmente prima di uscire: era troppo buona, e questa era l'ultima possibilità prima che la facessero fuori.
Le ragioni per cui ero impaziente d'inserire la ricetta sono due... una è che con questa mi rimetto in pari e non ne ho più in arretrato, finalmente, e l'altra è che si tratta di un dolce di versatilità stipefacente, che potete arrangiare come volete voi, una volta realizzata la base. Infatti quello della foto si presentava in due versioni, per fortuna il pezzetto rimasto le conteneva entrambe: una con marmellata di fichi, rabarbaro e guarnizione alla crema, e l'altra all'uso tradizionale tedesco, con rabarbaro, lamponi e briciole di frolla alias Streusel.
La ricetta è di Sonia Ezgulian ed è contenuta nel suo libro Partagez vos secrets de tarte e prevede il lievito di birra, ma io la realizzo con il lievito madre, ottenendo un risultato molto soffice e senza quel sentore lì... Aggiungo anche un pizzico di sale all'impasto, che la Ezgulian non menziona.
  • 260 g. di farina 0 (#550);
  • 40 g. di farina 00 (#405);
  • 15 g. di lievito di birra o 60 g. di lievito madre attivo;
  • 50 g. di zucchero;
  • 100 ml. di latte;
  • 2 uova;
  • 80 g. di burro morbido;
  • il pizzico di sale di cui sopra...
Con il lievito di birra: scioglierlo nel latte leggermente intiepidito, impastare la miscela con la farina, aggiungere zucchero, uova, burro e se volete fidarvi di me, anche il sale. Lasciate lievitare un'ora, poi stendete l'impasto, lasciatelo riposare una seconda volta perché riprenda "forma" e utilizzatelo come volete.
Col lievito madre, impastare tutti gli ingredienti tranne burro e sale, fino a incordatura; aggiungere il burro, fare incordare di nuovo, e in ultimo il sale. Lasciare lievitare fino al raddoppio (tre ore circa), stendere l'impasto e lasciarlo lievitare ancora per un'ora.

Posto che le possibilità restano infinite, ecco cosa vi serve per guarnire il dolce come il mio, partendo da una teglia rettangolare tipo pizza: le dosi che vi indico si riferiscono quindi a metà teglia, raddoppiatele se intendete preparare una torta unica.

Per la versione ai fichi (per la quale il rabarbaro è assolutamente opzionale, si abbina perfettamente ma è stata una scoperta casuale: non l'avevo previsto, me ne era rimasto...):
  • 300 g. circa di marmellata di fichi;
  • 200 g. di panna;
  • 4 cucchiai di zucchero;
  • 1 uovo M.
Stendete la marmellata e lasciate cuocere il dolce a 180 gradi per 15 minuti circa; preparate intanto la crema sbattendo panna, uovo e zucchero. Versatela con cautela sulla torta (poco male se non si riveste interamente, è così che funziona) e continuate la cottura ancora per una decina di minuti, o finché la superficie non è ben dorata.

Per lo Streuselkuchen:
  • 1/2 kg. di rabarbaro, pulito, tagliato a pezzetti e lasciato macerare per un quarto d'ora con una bustina di zucchero con vaniglia;
  • 250 g. di lamponi freschi;
  • 4 cucchiai di farina;
  • 2 cucchiai di zucchero;
  • 2 cucchiai di burro;
  • un pizzico di cannella in polvere.
Questa è più facile: sistemate sulla pasta i pezzetti di rabarbaro alternandoli con i lamponi, poi preparate col resto degli ingredienti un composto di briciole e spargetele sulla frutta. Via in forno, sempre a 180 gradi per 20-25 minuti.

Commenti

  1. ciao!
    se ti fa piacere sulla mia bacheca trovi un premio per te!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…