Passa ai contenuti principali

Crostata di prugne e mele con crema alla cannella




Una mia caratteristica, che diventa sempre più evidente, è che non so decidermi. Difetto fastidiosissimo che non sapevo di avere, ma che negli ultimi tempi è venuto allo scoperto come certe malattie che restano lì senza creare problemi per anni, e poi di colpo ti si mettono tra i piedi quando meno te l'aspetti, come a fare un dispetto. 
Questa mia indecisione dà il meglio di sé quando si tratta di mettersi a cucinare. Nocciola o cioccolato? Vaniglia o caffé? Lenticchie o fagioli? Il rischio è quello di finire come l'asino della storia, quello che non sapendo scegliere in quale campo pascolare, giusto per non sbagliare morì di fame. Dunque raggiunta qualche giorno fa la decisione di onorare ancora una volta la stagione delle prugne includendole nel dessert, improvvisamente il dubbio: eppure una buona cosetta con le mele... anche quelle stanno arrivando proprio adesso...
Bene, mezz'ora a pensarci. Poi la soluzione: con le mele, con le prugne, e perché non con tutte e due?
Si trattava di forzare leggermente la mano alla ricetta che avevo scelto, che era una Pflaumentarte mit Zimtguss dal ricettario di Meine Familie und Ich. Ma mica poi tanto, due frutti al posto di uno non sono poi una gran modifica. Risultato? Per una volta l'indecisione è stata la benvenuta: accoppiata vincente, tanto che la ricetta ve la passo mele comprese, a celebrare il raccolto autunnale del Brandeburgo.
La crema alla cannella appartiene alla categoria Grießguss, cioè è a base di latte e semolino. Chi ha già in mente il pasto dell'ospizio o dell'ospedale, e per tanto sta per cambiare pagina, ci ripensi: non c'entra nulla, è un normale e soffice budino aromatizzato alla vaniglia e alle spezie. Leggero, tra l'altro, perché fatto solo con albumi, il che all'inizio mi aveva lasciato qualche dubbio (altre ricette che conosco utilizzano anche i tuorli), poi subito fugato dal risultato pratico. Insomma, sia che vogliate prepararla con le prugne, sia che vogliate avventurarvi con me nell'aggiunta delle mele, la crostata è buonissima, delicata e con un profumo che conquista; la base, malgrado la presenza della frutta, non si inzuppa e resta ben "frolla" molto a lungo.

 Per lo stampo da 26 cm:
Base:
  • 200 g. di farina 00 (#405);
  • 100 g. di burro;
  • 50 g. di zucchero;
  • 1 uovo M.
Lavorare rapidamente una pasta frolla, sagomarla a palla e metterla in frigo, avvolta in pellicola, per mezz'ora.

Crema:
  • 500 ml. di latte;
  • 50 g. di semolino fine;
  • un pizzico di chiodi di garofano in polvere;
  • mezzo cucchiaino di cannella;
  • vaniglia;
  • 3 albumi;
  • 100 g. di zucchero;
  • 700 g. di prugne rosse;
  • 1 mela dalla polpa compatta (tipo Boskoop o renetta).
Riscaldare il latte con la vaniglia; non appena arriva a bollore, farvi cadere il semolino a pioggia, insieme con la polvere di garofano. Spegnere la fiamma e lasciare da parte per 5-10 minuti: si addenserà.
Accendere intanto il forno e regolarlo a 200 gradi. Preparare lo stampo e foderarlo con la pasta frolla, punzecchiarla con la forchetta e ricoprirla con le prugne, ovviamente lavate e snocciolate, divise a quarti (attenti a mettere i pezzetti con il lato-buccia all'ingiù) e la mela a fettine. Se le prugne sono poco dolci, spolverate la frutta con dello zucchero di canna.
Per completare, montare gli albumi a neve ferma. Farvi cadere lo zucchero a pioggia e continuare a sbattere finché si scioglie e la meringa diventa lucida. Incorporarla alla crema di semolino, terminare con la cannella e ricoprire la frutta. Cuocere 35-40 minuti finché la superficie non è dorata, e prima di servire spolverare con zucchero a velo.

Commenti

  1. Anche i peggiori difetti alle volte tirano fuori delle grandi cose ;))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…