Biscotti turchi all'uvetta (Üzümlu Kurabiye)

Mamma li turchi... che bravi che sono, in materia di biscotti! Dato periodo d'emergenza, in cui il tempo per preparare il biscottame da colazione è ridotto ai minimi storici, sono andata per un po' a comprarmeli a Kreuzberg. Anzi vi dico anche dove: Melek Pastanesi, Oranienstrasse; una squisitezza. Peccato che costino abbastanza, e che abbiano, per così dire, un peso specifico che non li rende molto convenienti se volete fare scorta per un paio di settimane.
Alla fine, quasi "per disperazione", e anche per voglia di alzarmi un po' dalla scrivania - perché è lì che trascorro le giornate, manca solo la catena con tanto di palla, casomai mi venisse voglia di muovermi troppo - sono tornata al fai-da-te, ma con ottimi risultati perché i biscotti sono esattamente uguali agli originali. Parola di marito. Il successo si deve al fatto che la ricetta è turchissima, cioè: sapendo come si chiamano i biscotti, l'ho cercata in turco... e meno male che c'è Google Translate. Una fonte precisa non c'è, concordano tutti su queste dosi. Purtroppo si va a tazze, ma se prendete come base una tazza da té standard da 150 ml., non ci saranno problemi. Con queste dosi vengono fuori circa 50 biscotti.
Avvertenza: le ricette turche indicano solo margarina, io ho raggiunto il risultato che volevo utilizzando metà margarina e metà burro. 
  • 250 g. di margarina (o 125 margarina+125 burro), temperatura ambiente;
  • 1/2 tazza di olio vegetale (non oliva!);
  • 1 tazza di zucchero;
  • un pugno d' uvetta passa;
  • 2 uova (1 uovo e 1 albume per l'impasto);
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • da 4.5 a 5 tazze di farina;
  • vaniglia.
Prima si mescolano bene margarina, olio, zucchero, e uova, finché lo zucchero si scioglie. Poi si aggiunge l'uvetta passa, e in seguito la farina mista al lievito e alla vaniglia. Si modella la pasta a rotolo o a bastoncino, da tagliare a pezzetti. Dopo averli rigati con la forchetta, il secondo tuorlo servirà per lucidare i biscotti. Se volete preparare metà dose, niente paura: usate un solo uovo leggermente sbattuto e tenetene da parte un paio di cucchiaini per spennellare. 
Cuocere per 20-25 minuti a 175 gradi. Attenti che danno dipendenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi