Torta di mele e pere al liquore zabaione



Vestita a festa, in versione antartica per festeggiare l'amico G., in partenza per il Polo Sud all'indomani dell'esame di dottorato. Beato lui; ci andrei volentieri, anche se delle questioni che studiano G. e i suoi colleghi non potrei capirne meno, pur avendo sposato uno di loro, e anche se rimarrebbe il problema di fondo. Cioè che se vado così poco d'accordo con l'inverno berlinese, non si capisce come potrei resistere a quello antartico.
Comunque, se vi dico che torta è questa... avete presente le ricette dietro alle bustine del lievito? Ecco, benissimo; ce n'è una che si chiama Delizia alle mele, o Delizie, non mi ricordo più, e la fanno tutti, ma proprio tutti. Così com'è va benissimo per colazione: la pasta frolla è particolare per la sua morbidezza,  si conserva benissimo e si presta a  molte varianti, se sostituite il ripieno di mele. Appunto, aggiungendo pere e crema di zabaione, a me piace usare la base per trasformarla in una torta da festa. Oltretutto io vado pazza per il liquore zabaione, nonostante una nota inimicizia nei riguardi del tuorlo d'uovo: eppure, paradossalmente, davanti all'Eierlikör cambia tutto!

Dunque serve:

Base:
  • 450 g. di farina 00 (#405);
  • 100 g. di zucchero;
  • un limone, cioè la buccia;
  • 125 g. di yoghurt bianco intero (senza barare, quello magro no);
  • un uovo;
  • 150 g. di burro freddo;
  • Vaniglia;
  • un pizzico di sale;
  • una bustina di lievito (ovvio no?, vista la fonte della ricetta)
Mescolare la farina con lo zucchero, il lievito, la buccia del limone, il sale, il burro a pezzetti e intriderla bene; poi aggiungere l'uovo e lo yoghurt e impastare rapidamente. Stendere una sfoglia sottile, dividere in due e foderare con una metà uno stampo rettangolare.
Passiamo alla crema!
  • 4 mele non farinose (Boskoop, Granny Smith, Golden se le volete più dolci);
  • 2 pere piccole;
  • 250 ml. di liquore allo zabaione, genere Vov;
  • 50 g. di biscotti secchi tipo Petit;
  • 120 ml. di panna;
  • 4 cucchiai di zucchero;
  • un cucchiaino di burro;
  • cannella;
  • noce moscata.
Sbriciolate i biscotti. Sbucciare le mele e le pere, tagliarle a pezzetti e farle rosolare leggermente in padella con il pezzetto di burro e lo zucchero. Quando saranno morbide, aggiungere la panna, la cannella e la noce moscata; sarà una crema liquida. Aggiungete ancora i biscotti: la crema si addenserà come per magia. Terminate con la cannella, la noce moscata e il liquore. Lasciate intiepidire e poi farcite la torta, versando questo composto sulla base. Chiudete con il secondo strato di frolla pressando i bordi. Fate cuocere in forno caldo a 180 gradi per 25-30 minuti. Decorate come volete: lo zucchero a velo va benissimo. La copertura della mia torta, pinguini compresi, è di marzapane: un optional, su misura per il festeggiato di stavolta che è un vero intenditore in materia!

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi