Passa ai contenuti principali

Melomakarona


In preda a nostalgie greche, vi suggerisco molto, ma molto caldamente di provare questi biscotti senza aspettare Natale... perché sì, in Grecia sono natalizi, ma importa?
I Melomakarona non smentiscono la tradizione locale: sono ben frolli, e con tanto di sciroppo, ovviamente al miele. Somigliano ai biscotti da me classificati come i più frolli del mondo, anch'essi orientaleggianti, anche se in quel caso della provenienza non sono informata. Però lo sciroppo serve più che altro per la consistenza del biscotto: non vi si appiccicherà alle mani e non ammollerà nulla. 
La particolarità è nell'aroma: arancia e cannella. Quest'estate (giusto perché sono natalizi) ce ne hanno serviti due a fine pasto su un'isola greca ed è stato un gran piacere. Il coniuge, appena fiutata la malefica spezia (malefica almeno per lui) ha messo subito da parte il biscotto, che ha subito trovato chi lo apprezzasse.

Le dosi sono sufficienti per una cinquantina di biscottini.
Impasto:
  •   250 ml. di olio di semi
  • 75 g. di zucchero;
  • 1/2 cucchiaino di cannella macinata;
  • 1/2 cucchiaino di chiodo di garofano macinato;
  • 1/4 di cucchiaino di bicarbonato;
  • 3/4 di cucchiaino (diciamo uno scarso) di lievito per dolci;
  • Buccia finemente grattugiata di un'arancia;
  • 50 ml. di succo d'arancia spremuto fresco;
  • 20 ml. di brandy, cognac o ouzo;
  • 500 g. di farina 0 (#550, è quella che in Grecia si chiama "per tutti gli usi").
Sciroppo:
  • 80 g. di zucchero;
  • 90 g. di acqua;
  • 1 generoso cucchiaio di miele;
  • una stecca di cannella;
  • buccia di limone
In più: 50 g. di noci tritate.

Conviene avere tutti gli ingredienti pronti all'uso.  Si parte da una miscela di olio e zucchero, a cui aggiungiamo gli aromi, buccia e succo d'arancia e il lievito. Il bicarbonato lo mischiamo nel liquore prima di aggiungerlo all'impasto. Il tutto va mescolato per bene a media velocità. A quel punto iniziamo ad aggiungere la farina, a poco a poco, per la serie spargi e mescola, spargi e mescola.
Si formerà una pasta morbida. Va lavorata un po' con le mani prima di formare i biscotti, prelevando palline della dimensione d'una noce. Se poi avete ancora pazienza, potete "decorarle" premendole contro una forchetta o una grattugia. Io questo piacere lo rinvio sempre ad altra volta, perché ho individuato un mio grande limite: i biscotti mi piace averli pronti, e fatti in casa, ma confezionarli a uno a uno lo trovo noiosissimo ai limiti della tortura. Per esempio, so benissimo che sarebbe il caso di pesarli e qualcuno pure lo fa, ma... niente, è più forte di me.
Finito l'ingrato compito del porzionamento, possiamo cuocere i futuri melomakarona. Forno preriscaldato, 180 gradi e almeno mezz'ora. Dico almeno perché a seconda della dimensione possono richiedere più tempo. In ogni caso devono essere dorati ma ancora chiari, e sodi al tatto. Diventeranno più scuri con il bagno nello sciroppo.
Ah già, lo sciroppo. A quello pensiamo intanto che i biscotti si cuociono, mescolando tutti gli ingredienti, portando a ebollizione e lasciando "sciroppare" per cinque minuti.
In questo sughetto si immergono i biscotti e si lasciano "cuocere" per 2-3 minuti, se necessario rivoltandoli. Appena sgocciolati si dispongono su un piatto e si cospargono di noci tritate, facendo degli strati. Non vi ho detto da dove viene la ricetta, ma non è per cattive intenzioni: è la summa di tutte le informazioni che ho trovato nel mio sito preferito, Oi sintages tes pareas, e dato che queste ricette sono spesso di tradizione familiare si somigliano un po' tutte. A chi vi riconosca la propria, efkharisto poli!!


 

Commenti

  1. Ciao Antonella!
    Ho scoperto solo oggi il tuo blog di cucina. Non sono riuscita a trovare la tua email, vorrei scriverti perché sarei interessata alla pasta madre (ho trovato il tuo blog sul sito pastamadre.net). Vivo a Berlino da qualche anno ed è sempre un piacere scoprire contatti italiani interessanti che si occupano e sono appassionati di cucina... Grazie! A presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Mi fa molto piacere, la pasta madre è un'esperienza... lebensprägend. Scrivi a ptochoprodromos@hotmail.com, così ne parliamo. Buona serata!
      antonella

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…