Passa ai contenuti principali

Bignoline carnascialesche in rosa


 Sì sì, sono proprio rosa, decorazione a parte, anche se dal vivo si nota di più! E insomma, tutti che parlavano di Carnevale, in casa c'era la friggitrice tra i piedi perché da poco avevo preparato le arancine di riso (no, non mi convincerò mai che si dice arancini, a Palermo l'arancina fimmina è!), e allora mi è venuto in mente che le frittelle le volevo pure io. 
Pazienza se c'era anche uno strudel. Ne faccio poche, pensavo, ma devono esserci. Anche perché dovevo prendermi una rivincita e vendicare una sconfitta subita da mammà. Queste frittelle, infatti, partono da una ricetta della Paneangeli , ve lo dico papale papale, e non starei qua a parlarne se non ci avessi messo qualcosa di mio, a cominciare dall'eliminazione di tutti gli aromi artificiali. In Italia, lo scorso Capodanno, si era provato a prepararle tutti insieme, con grande scorno però. Sarà una specie di legge di Murphy applicata alla cucina, ma quando c'è gente o si sa che sta per arrivare, allora state sicuri che un guaio ci scappa. Almeno a casa dei miei. In questo caso il guaio fu la malaugurata scelta della pentola per cuocere le frittelle, peraltro già nota - si scoprì dopo - per il fondo troppo sottile che fa riscaldare l'olio troppo in fretta. Scelta casuale? Autolesionismo? Boh, fatto sta che come risultato lasciava a desiderare, anche se il sapore  non era male e ce le mangiammo lo stesso cercando di non pensare al quantitativo d'olio che avevano assorbito, in modo tanto inspiegabile quanto inquietante.
A titolo riparativo, questa volta che comandavo io, attenzione massima, complice il riparo offerto dalla tranquilla casetta brandeburghese, e con un po' di attenzione ci si riesce. Queste frittelle somigliano molto per lavorazione alla pasta dei bigné e delle sfince palermitane - qui la chiamiamo Brandteig -, ma sono diverse per consistenza. Mentre quelli sono vuoti al loro interno e molto densi, le bignole sono decisamente soffici e spugnose, un po' come le ciambelline al miele, ma ancora più leggere grazie alla presenza dell'amido. Se non avete da nutrire un popolo, dimezzate la dose, perché ne risultano più di quaranta.
  • 225 ml. di acqua 
  • 25 ml. di alchermes
  • 50 g. di margarina, o burro
  • un pizzico di sale
  • 150 g. di farina 00
  • 50 g. di amido di grano o di mais
  • 50 g. di zucchero
  • buccia grattugiata di arancia
  • una bustina di zucchero con vaniglia
  • 4 uova;
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci;
  • 4 cucchiai di miele;
  • ancora 2 cucchiai di alchermes.
Se diciamo metodo Brandteig è presto detto: acqua e margarina/burro con la buccia d'arancia, il sale e la vaniglia a bollore, aggiungiamo il liquore e fuori dal fornello la farina tutta d'un colpo; lasciamo asciugare finché la massa si stacca dalle pareti del tegame. A questo punto incorporiamo lo zucchero e le uova una alla volta, aspettando che ciascun uovo sia bene incorporato prima di aggiungere il successivo. Quando l'impasto si è raffreddato è il momento di aggiungere il lievito, prima di iniziare a friggere le bignole prelevandone porzioni con due cucchiaini. Da sapere che:
- la temperatura dell'olio dev'essere di 170-175 gradi; se troppo alta, si induriranno subito all'esterno senza cuocersi all'interno e si inzupperanno d'olio (vedi disavventura di cui sopra);
- le frittelle si gonfieranno e si apriranno (vedi foto sotto), ma andranno girate durante la cottura con una certa pazienza, perché tendono, proprio perché son leggere, a ritornare dispettosamente nella posizione iniziale;
- prima di tirarle su aspettate che siano ben abbronzate, se sono ancora pallide rischiano d'afflosciarsi.
Detto questo, nessun problema: saranno soffici e ben asciutte. "Perfezionatele" su carta assorbente e spolveratele con poco zucchero a velo, prima di versarvi sopra il "sughetto": il miele riscaldato e diluito con i due cucchiai di liquore. Vedrete che roba... e purtroppo sono come le patatine, non mettetevene un piatto davanti intanto che c'è il vostro programma preferito perché è molto rischioso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…