Koulourakia di Pasqua


 A Pasqua, ci vogliono i biscotti greci tradizionali. E questi, lo sono, autenticamente. La ricetta, questa precisamente, viene da Oi sintages tis Pareas, come tante altre che mi hanno salvato da improvvise nostalgie, però i biscotti pasquali da quelle parti si basano più o meno tutti sugli stessi ingredienti e sulle stesse quantità, basta qualche confronto per capirlo.
Ahi ahi, quantità: tasto dolente. Quanto è grande la famiglia greca tipo? Perché tutte le ricette, dico tutte, partono da un minimo di un chilo di farina; ma anche due! Conclusione: ho già ridotto io, più di così non si può. Ma sono buoni, e con un trucco che vi dirò alla fine.
  • 500 g. di farina 00 (#405);
  • 250 g. di margarina;
  • 1 uovo M;
  • 2 bustine di zucchero con vaniglia, o vanillina (la vanillina greca in questo caso è l'ideale; non sarà il massimo del naturale, ma i biscotti si distinguono proprio perche sono vanigliosissimi e io me la compro apposta in vacanza...)
  • 125 g. di zucchero;
  • 1/2 bicchiere (125 ml. circa) di succo d'arancia;
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di lievito.
  • 1 cucchiaio di burro morbido da aggiungere alla fine (facoltativo).

Richiedono un lungo impasto, ma se usate l'impastatrice con la frusta K non ci saranno problemi. Le fasi sono semplicissime:
1. lavorare la margarina a pomata, aggiungere lo zucchero e montare;
2. incorporare l'uovo, il bicarbonato sciolto nel succo d'arancia e la vaniglia;
3. incorporare la farina miscelata col lievito, a cucchiaiate; l'impasto è morbido. Alla fine aggiungete quel tal cucchiaio di burro che è ancora lì proprio per questo. Premesso che io ho provato anche senza, e funziona benissimo.
4. A mano, impastate molto, ma molto bene il tutto... o lasciate lavorare per voi l'impastatrice finché la massa è ben omogenea.
Formate i biscotti, e cuoceteli in forno a 180 gradi per 20 minuti.
E il trucco? Il trucco è che questi biscotti si trasformano.  Così come sono le dosi, otterrete buonissimi frollini alla vaniglia, pasquali o no. Ma potete prepararli anche con 250 grammi di zucchero invece che 125, senza che riescano "troppo dolci": la differenza sarà nella consistenza. Usate il doppio dello zucchero, senza paura, per ottenere un biscotto particolarmente delicato e ancora più friabile. L'ho scoperto una volta a seguito di... un errore, uno di quei casi in cui l'errore è quasi una scoperta!

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi