Passa ai contenuti principali

Linzertorte



I genitori in visita dall'Italia per due settimane sono una gran bella cosa e non solo dal punto di vista affettivo, ma anche perché la presenza di ospiti consente di sbizzarrirsi in varie performances gastronomiche... che comprendono la preparazione di certo numero di cose buone normalmente poco apprezzate dal coniuge. Quando mi sono vista arrivare in dono un quantitativo notevolissimo di mandorle non ho avuto dubbi: la marmellata giusta, fatta in casa, ce l'avevo, era il momento della Linzertorte! la specialità austriaca che  sembra una crostata, ma se ne distingue per l'impasto assai morbido, detto Linzer Masse, anche se non è raro vederla preparare con una normale frolla con mandorle e spezie. A me piace tantissimo, ma la preparo raramente perché ha tra gli ingredienti principali l'odiata cannella, e allora o aspetto qualche invito a cena per prepararla da regalare, oppure un viaggio in Austria. Mi ricordo ancora la faccia che Herr Doktor-doktor fece, due anni fa, all'annusarne una, originale, che mi ero portata a casa da Vienna... Questi scienziati.
Una soluzione ci sarebbe: forse non tutti sanno che ne esiste una variante, altrettanto autentica, detta "weiße", cioè "bianca", in cui le spezie non ci sono. Ma la Linzertorte senza cannella a me sembra un po' come l'uovo di Pasqua senza cioccolato... Quindi, ben vengano papà mamma e le mandorle!
Io la preparo con la ricetta di Hans-Peter Fink dell'hotel Sacher, o almeno quella che suggerisce lui nel suo libro, ed eccovela qua. Queste dosi bastano per uno stampo rotondo da 26, ma anche da 28 cm. 
  • 200 g. di burro morbido;
  • 200 g. di Zucchero a velo;
  • 3 uova;
  • 1 tuorlo;
  • un pizzico di sale;
  • buccia grattugiata di un limone e di un'arania;
  • mezzo cucchiaino di chiodi di garofano in polvere;
  • un cucchiaino di cannella macinata;
  • 200 g. di mandorle macinate, con la pelle; 
  • 100 g. di farina 00;
  • 300 g. di pan di Spagna secco o fette biscottate dolci, finemente sbriciolate (in assenza, altri 200 g. di farina);
  • 1 cialda di ostia rotonda da 20-22 cm. (o una ventina di ostie piccole);
  • 150 g. di marmellata di ribes;
  • mandorle a lamelle per guarnire.
Montare bene a crema il burro con lo zucchero a velo e tutti gli aromi; incorporare gradatamente le uova e il tuorlo. Mescolare insieme le mandorle macinate, la farina e le briciole e aggiungerle via via alla massa.
Versare 2/3 dell'impasto nello stampo imburrato e infarinato, posarvi sopra l'ostia, o se a disposizione ci sono solo quelle piccole, disporle una accanto all'altra a formare un "foglio". Stendere la marmellata di ribes.
Riempire con l'impasto che resta una tasca con una grossa bocchetta, preferibilmente a stella, e fatelo scendere sulla marmellata a formare un reticolato. Io, che non dispongo di una bocchetta della dimensione giusta, lascio perdere la forma a stella, molto meglio che cercare tra un'imprecazione e l'altra di spingere la pasta in un'imboccatura troppo stretta per amore dell'estetica come mi è capitato altre volte. Cuocere per circa 50 minuti a temperatura da 160 a 170 gradi (così Hans-Peter Fink, a me fa comodo perché non mi fido del forno); lucidare con marmellata d'albicocche diluita e decorare con le mandorle a lamelle.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…