Black&White Biscotti (di Re Artù)



Squisita variante del biscotto più amato degli Stati Uniti, proposta dall'infallibile team della King Arthur Flour. Ne riescono una ventina, belli grossi per giunta.
  • Burro morbido, 85 g.
  • Zucchero, 135 g.
  • Sale, 1/4 di cucchiaino (all'italiana, una buona presa);
  • Lievito per dolci, 1 cucchiaino e mezzo;
  • Uova M, 2;
  • Farina 0 (#550, "all purpose"), 240 g.;
  • Cacao amaro, 10 g.;
  • Caffé macinato, 1/2 cucchiaino;
  • Pepite di cioccolato o cioccolato fondente spezzettato, 80 g.
  • zucchero per spolverare (opzionale).

Preriscaldate il forno a 175 gradi e predisponete una larga placca per cuocere i biscotti, rivestita di carta forno o leggermente unta.
1. Lavorate a crema burro, zucchero, sale, vaniglia e lievito in polvere.
2. Incorporate le uova. La pasta potrebbe avere, specie all'inizio, un aspetto leggermente a "stracciatella", che non costituisce un problema e cambierà se continuate a montare.
3. A bassa velocità aggiungete la farina.

Pesate la pasta: una metà precisa corrisponde a circa 290 g. Prelevatela e formate, con le mani bagnate, un serpentone sulla teglia. Schiacciatelo leggermente, e mettetelo in freezer intanto che preparate l'impasto scuro. Il che vuol dire semplicemente aggiungere alla parte rimasta il cacao, il caffé macinato e le pepite di cioccolato. Mi trovo benissimo anche utilizzando al posto del cacao del cioccolato fondente fuso (circa 15 g.), a condizione che sia di ottima qualità e scurissimo (cioè quello che ho sempre in casa perché è il mio preferito, dal 70 al 99 per cento di cacao). Il caffé serve unicamente a evidenziare il sapore di cioccolato e nel biscotto finito non lo sentirete più.
Tirate fuori la pasta alla vaniglia dal freezer e sempre con le mani bagnate sovrapponetevi quella al cioccolato. Potete fare due strati o racchiudere completamente la massa chiara in quella scura. 
Spolverate con zucchero. Non è necessario ma ha un effetto decorativo, più grossi sono i grani e più croccante e lucido sarà il risultato. Cuocete per 25 minuti, e lasciate intiepidire. Intanto abbassate la temperatura del forno a 150 gradi.

Tagliate a fette in modo deciso e regolare, diritto o in diagonale (se volete meno biscotti ma king size), in ogni caso occhio a tenere il coltello perpendicolare alla base perché se i biscotti sono più larghi nella parte superiore cadranno durante la seconda cottura, e invece è essenziale che stiano in piedi. Se sembra che si sbriciolino troppo basterà spruzzare la superficie con un po' d'acqua per poter tagliare fette più che regolari. Allineatele di nuovo sulla teglia, una accanto all'altra, e rimetteteli in forno per 30-40 minuti. Devono essere asciutti e appena dorati; se sembrano ancora un po' umidi al centro, non è un problema perché una volta freddi saranno completamente secchi. 
Volendo si possono decorare con glassa di zucchero, lasciata cadere a caso.



Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi