La torta universale alla frutta... per l'esercito prussiano


Tempo d'estate (ok, piove un po', ma ci illudiamo) e di Blechkuchen alla frutta... che si dividono in due categorie, quelli con base lievitata o quelli con base di massa al burro, tipo quatre-quarts o ciambella. Ecco un impasto del secondo tipo che si presta benissimo a qualsiasi tipo di frutta, d'estate mirtilli o pesche come nella foto, prugne, ciliegie, d'inverno mele, pere, insomma: chi più ne ha più ne metta, e potete sbizzarrirvi aggiungendo briciole o glassa. Io ve la dò per base universale, che vi tornerà utilissima in caso di molti ospiti e poco tempo a disposizione. Ieri faceva proprio al caso mio, per via del compleanno di Herr Doktor-doktor e dell'uso locale di festeggiare al mattino,  in ufficio, con icolleghi.È abbastanza noto che ho pochissima simpatia per i compleanni, o per meglio dire per il culto dei compleanni e delle ricorrenze in generale, che in certi casi mi mettono addosso un senso di assurdità non meglio definibile. Specie adesso, che le energie devo concentrarle in altro... È che di torte di compleanno ne preparo sempre per Tizio e Caio, e adesso che il birthday boy è mio marito, che faccio?
Una cosa semplice. Rapida. Ma in grado di sfamare un convento, e non degli ordini più ascetici.
La torta universale. Come si vede dalla foto, si tratta di una massa al burro molto fine, che non si  lascia inzuppare dal succo della frutta senza neanche diventare secca. Ricetta tedesca, con la particolarità di un procedimento che la prima volta vi lascia perplessi (si parte dagli albumi montati) e poi, una volta assaggiato il risultato, vi conquista.
Per una teglia rettangolare 20x30 circa:
  • 5 uova, separate;
  • Margarina, fusa e raffreddata, 250 g.;
  • Zucchero, 250 g. di ;
  • Farina, 300 g.;
  • 1/2 bustina (7 g.) di lievito per dolci;
  • Vaniglia;
  • Buccia di limone grattugiata (facoltativa)
Montare gli albumi a neve ben ferma aggiungendo a metà "percorso" lo zucchero. Ottenuta la meringa incorporare a cucchiaiate la farina setacciata col lievito, lasciando girare l'impastatrice o il mixer a bassa velocità, poi la margarina e i tuorli. All'aggiunta della margarina vi sembrerà di aver rovinato l'impasto rendendolo troppo liquido, ma continuando a lavorarlo vedrete che non è così, la massa resterà fino alla fine ben spumosa. Versatela nella teglia rivestita di carta forno o unta e disponete in superficie la frutta che preferite. Cuocete a 180 gradi per 35-40 minuti.
Il giorno dopo è ancora migliore!

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi