Chocolate and Vanilla Ice cream sandwich (di Re Artù)

Il problema del forno da non accendere perché c'è troppo caldo non si pone più. Se mai tra poco potrebbe porsi quello opposto. Ma mi sono rimaste un bel po' di ricette da pubblicare, ultimo legame con l'estate! 
Questi biscotti-gelato sono una delizia. Il gelato alla vaniglia in un biscotto al cioccolato americanamente ricchissimo... si commenta da solo, e potete prepararlo con largo anticipo perché può restare in frigo, prima della mantecatura, anche due giorni. 
 La ricetta è di Jennie Schacht ed è contenuta in una raccolta dal titolo I Scream Sandwich!, ma a me arriva tramite la King Arthur Flour, a cui l'autrice l'ha "concessa". Con questa dose risultano dodici quadrati, io la dimezzo per farne sei altrimenti ce li facciamo fuori tutti.

Gelato alla vaniglia
  • Latte intero, 450 g.;
  • Zucchero, 65 g.;
  • Sciroppo d'agave o melassa chiara, 40 g. (in alternativa la ricetta consiglia il miele)
  • Amido di tapioca, 14 g.
  • Sale, 1/4 di cucchiaino... ok, un bel pizzico!
  • Panna fresca, 200 g.;
  • Una bacca di vaniglia;
  • 3 cucchiai di rhum.
Mescolate in un tegame 200 ml. di latte con lo zucchero, lo sciroppo d'agave, l'amido di tapioca e il sale. Aggiungete la panna, il resto del latte, la bacca di vaniglia incisa e i semini che avrete raschiato via. Lasciate cuocere a calore medio finché la miscela non inizia a emanare vapore e lasciate sobbollire da 3 a 5 minuti; deve raggiungere la consistenza di una salsa cremosa. Non lasciatela bollire!
Lasciatela raffreddare completamente in frigo prima di lavorarla nella gelatiera, possibilmente il giorno dopo.

Cookie bar
  • Farina 0 (#550, all purpose), 150 g.
  •  Cacao amaro purissimo (più scuro è e più contenti siamo), 50 g. ;
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato;
  • 1/2 cucchiaino di sale.
Mescolate questi ingredienti in una ciotola. A parte lavorate con il mixer:
  • Burro morbido, 80 g.;
  • Zucchero, 100 g.;
  • Zucchero di canna chiaro, 50 g.;
  • Estratto di vaniglia liquido, 1 cucchiaino (o zucchero vanigliato, 1 bustina).
Gli ingredienti dovranno mescolarsi bene e gonfiarsi leggermente; la miscela potrà essere un tantino granulosa, ma avrà sempre l'aspetto d'una crema. Aggiungete a bassa velocità metà degli ingredienti asciutti, seguita da
  • Latte intero, 150 ml.
per finire con l'altra metà. Preparate un foglio di carta forno delle dimensioni di circa 30x40 cm. e stendetolo su una superficie piana o su una teglia. Versateci questo impasto a cucchiaiate, "spalmatelo" con una spatola e poi cuocetelo in forno caldo a 175 per non più di dieci minuti, giusto finché non si opacizza la superficie. 
Usate una forchetta per pungere il "foglio" così ottenuto in modo decorativo e dividetelo in due rettangoli uguali, senza staccarlo dalla carta. Lasciatelo raffreddare completamente, e quando è freddo coprite bene con pellicola e mettete in freezer fino al momento di formare i biscotti.
Staccate con delicatezza la carta forno e ponete un rettangolo di biscotto su una superficie fredda. Spalmate il gelato alla vaniglia e ricoprite col secondo rettangolo. Pressate leggermente per distribuire il gelato in modo uniforme e rifilate i bordi con un coltello affilato. Se il gelato cominciasse a sciogliersi, mettete la teglia subiro in freezer per rassodarlo. Non appena sarà possibile farlo senza squacquerare niente ritagliate 12 quadrati da servire subito o da conservare in freezer ben avvolti di pellicola.
E il trucco? Il trucco è l'amido di tapioca nel gelato, che gli conferisce una particolare cremosità. Non è difficile trovarlo nei supermercati asiatici o biologici. A questo si aggiunge il liquore, che serve a non lasciarlo cristallizzare in caso di prolungate soste in congelatore. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi