La crema di Annette

No che non c'entra, Annette quella che stava sui monti ed era amica di Lucien e sorella di Daniel detto Dany. Chi era ragazzino negli anni Ottanta capisce di cosa parlo... Questo nome alla crema l'ha dato l'autrice della ricetta, Sophie Dudemaine, notissima in Francia come la Nigella Lawson locale; e l'ha fatto, mi pare di capire, per ragioni di... assonanza: pronunciare crème d'Annette per capire l'allusione ad un celebre prodotto, di cui non credo sentirete molto la mancanza,  assaggiata questa.
Anche perché a me, personalmente, quel prodotto lì ricorda i compiti di scuola, fatti sempre (compresi quelli delle materie preferite) secondo il criterio "voglia di lavorare saltami addosso"; o, in alternativa, lunghe ore di studio hobbistico ma non per questo più utile nella vita, non fosse che perché i libri favoriti inchiodavano comunque a una poltrona. La scoperta dello sport era di là da venire.

Somiglia proprio, comunque, a quella crema lì, e il portafogli sarà contento; e anche voi che la preparate, perché in dieci minuti è pronta e potrete andare a fare altro. Per esempio, tornando al discorso di cui sopra, sport.
La ricetta è contenuta nel libro della Dudemaine Les desserts d'hiver e l'ho rubata, imparandola a memoria in libreria (ok Sophie, poi lo compro...)
Tra l'altro Sophie Dudemaine indica due versioni, una "pesante" e l'altra "leggera", ma sono ottime entrambe e la variante pesante è solo più untuosa, ma non meno cremosa o densa dell'altra.
  • Cioccolato fondente "di quello buono", 20 g.;
  • Cacao amaro (idem), 3 cucchiai (dice la Dudemaine; sono circa 50 g.);
  • Latte, 250 g.
  • Panna, 250 g. (Versione leggera: 500 g. di latte e siamo alla pace);
  • Zucchero, 60 g. (Versione leggera: dolcificante a piacere)
  • Amido di grano, 20 g. 
  • Vaniglia, semi di mezza bacca (ce la metto io).
Fate sciogliere il cioccolato fondente nella  maggior parte del latte, a cui avrete aggiunto la vaniglia. Nel frattempo sciogliete nel resto del latte l'amido, lo zucchero e il cacao. Mescolate al latte ben caldo e lasciate addensare per circa cinque minuti su fiamma bassa. Fatto, finito, e tutto (quasi) pulito.
Versate nelle coppette e lasciate raffreddare in frigo.

Commenti

  1. Questa non la conoscevo e ora che sono in Francia non posso mica esimermi, andrò a fare un giro alla FNAC ;)

    RispondiElimina
  2. E adesso la creme oltre ad essere di Annette, sarà anche di tutti noi! :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi