Passa ai contenuti principali

Galaktoboureko (sfoglia alla crema con sciroppo)


Quest'anno, in un certo senso, in Grecia coi dolci ci è andata buca. La passione per le isole sconosciute ai più (almeno a livello internazionale) ci ha fatto scegliere un posto bellissimo quanto si vuole, ma con una certa pecca... mancavano i zacharoplasteia ovverossia le pasticcerie come il ciel comanda Marito disperato all'idea di non trovare le sfoglie alla crema per colazione. L'isola dei diabetici, considerando che perfino gli alberi di fichi non collaboravano: a stragrande maggioranza, tutti selvatici oppure improduttivi.
Fichi e sfoglie sono stati recuperati in corner: di alberi, col solito occhio di lince, ne ho trovati due ma fidatissimi; e quanto alle Bougatses, scoperto che il panificio in paese ne produceva pochissime e ne mandava giù in zona porto esattamente tre ogni mattina, l'eroico Herr Doktor-Doktor andava a fiondarsi al bar con abbondante anticipo pronto a difendere le proprie con ferocia degna deigli eroi omerici o dei giannizzeri quando c'era ancora la Tourkokratia. 
Peggio gli è andata per il consueto dolcetto del dopocena: lì non c'erano speranze. L'ultima sera ad Atene siamo riusciti a trovare il Galaktoboureko: altra squisitezza che, mi sono accorta, mancava nel mio archivio anche se lo preparo spesso. Il nome significa dolce al latte: il principio è lo stesso della bougatsa, cioè pasta fillo alla crema, con in più lo sciroppo. La crema si può preparare con solo latte o con aggiunta di panna; questa, ho scoperto chiacchierando in giro nel mio  comicissimo greco semimedievale, è la variante detta Galaktoboureko ianniotiko, cioè di Ioannina.  Ordunque!

crema:
  • 800 ml. di latte fresco
  • 200 ml. di panna
  • 100 g. di semolino fine
  • 2 uova
  • 2 dosi di vanillina greca* o 2 bustine di zucchero con vaniglia
  • 220 g. di zucchero
sciroppo:

  • 280 g. di zucchero
  • 1/2 tazza (125 ml.) di acqua
  • un cucchiaio di glucosio (se c'è avrete un risultato più professionale; se no, miele fluido tipo acacia)
  • buccia e succo di mezzo limone

in più:

  • una confezione di pasta fillo
  • 80 g. di burro fuso
1. Mettere in un tegame tutti gli ingredienti per lo sciroppo. Far bollire per 5 minuti a partire da quando iniziano le prime bolle vivaci. Lasciare raffreddare.
2. Preparare la crema mescolando in un altro tegame latte e panna, il semolino, lo zucchero con la vaniglia e il succo di limone. Fare addensare a fuoco basso e lasciare intiepidire. 
3. Intanto predisporre una teglia rettangolare, meglio se di quelle in alluminio a vaschetta, ungere il fondo e deporvi il primo foglio di pasta fillo. Spennellare di burro fuso e sovrapporre il secondo foglio, per un totale di cinque fogli.
4. Separare tuorli e albumi. Montare gli albumi a neve; sbattere i tuorli per bene e incorporarli alla meringa, con delicatezza per non smontarla. Aggiungere la crema piano piano, con un cucchiaio di legno, più un cucchiaino di burro.*
5. Versare la crema nella teglia sopra ai fogli di pasta fillo. Ricoprire con i fogli che restano, sempre ben spennellati, e con la parte dei fogli già usati che "straborda", richiudendo a busta.
6. Cuocere a 180 gradi per circa un'ora. Appena esce dal forno, versare sul dolce lo sciroppo. Attendere che si sia ben raffreddato per gustarlo.

*Nota: - non sono amica della vanillina, normalmente, ma in Grecia usano quella e la compro apposta; potete usare vaniglia in baccelli, ma generosamente: si deve sentire!
 - la crema potete realizzarla anche con un procedimento più rapido, aggiungendo le uova direttamente alla miscela di latte, panna e zucchero e lasciando addensare come una normale crema pasticcera.

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…