Passa ai contenuti principali

Flan pâtissier, o tarte au flan







Souvenir de Lyon... perché è lì che l'ho provato la prima volta, e a pensarci bene era una situazione d'emergenza - albergo sorprendentemente pessimo, avventura per reperire la chiave della camera visto che di domenica non c'era servizio reception (appunto, vedi sopra), coniuge in allarme per   convegno imminente e relazione ancora tutta da preparare (di notte), insomma quella volta il flan della Boulangerie Paul fu una salvezza.
Poi, naturalmente, uno esplora, prova e si fa una cultura su questo classico francese, che da quelle parti è un po' come la torta margherita o la crostata di marmellata per noi. Qualsiasi panificio o pasticceria ce l'ha nel suo assortimento e pure i risultati oscillano dalla "Perfezione assoluta" (crema in equilibrio tra latte, uova e vaniglia, tremolante al punto giusto, pasta cotta come il ciel comanda), passando per il "Meglio che niente" (uovo un po' esagerato) al "Come non si vergognano" (crema a pezzo di gelatina, aroma che grida Sono artificiale!!!, pasta o bruciacchiata o cruda).
Ne ho provate tante anche di ricette, compresa quella di Pierre Hermé che, udite udite, ci mette l'acqua. Per quanto mi riguarda può tenersela: la consistenza non è quella giusta, inutile che ci prendiamo in giro; anche se la crema ha alla fine il suo perché, la vedo meglio per farcire. 
Alla fine, il flan che è entrato nel mio libro di ricette è questo. Grazie a Djouza e a Bernard

La ricetta è per un flan da 22 centimetri. Attenzione che la base deve essere sottile. 

Base
  • 125 g. di farina 00 (#405)
  • 25 g. di fecola di patate
  • 110 g. di burro
  • 30 g. di latte
  • 7 g. di tuorlo d'uovo (prelevare da quelle per la crema);
  • 15 g. di zucchero
  • 1 g. di sale
Appareil à flan
  • 3 uova
  • 140 g. di zucchero
  • 120 g. di amido di mais
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 litro di latte intero, più alto è il contenuto di grassi e meglio è; oppure 1/2 litro di latte e 1/2 di panna
Preparare la crema come una normale crema pasticcera. Si può tranquillamente fare come Luca Montersino: mettere il latte a bollire con la vaniglia incisa e i suoi semini, nel frattempo montare le uova con zucchero e amido e poi versarle sul latte caldo. Quando il latte riprende il bollore e comincia ad affiorare da sotto alle uova, mescolare energicamente con la frusta. La crema deve essere densa. Lasciare intiepidire: se la versate subito sulla pasta, resterà inesorabilmente cruda e "fangosa". 
Per la base: intridere la miscela farina-fecola-zucchero-sale con il burro; ottenute briciole finissime dall'aspetto inquietantemente simile al parmigiano (inquietantemente per me, che lo detesto), impastare rapidamente con il latte mescolato al tuorlo d'uovo. Mettere 30 minuti al fresco se fa caldo oppure stendere subito, foderando lo stampo.

Versare la crema nel guscio di pasta e cuocere a 180 gradi per 45 minuti circa. La superficie deve "bruciacchiarsi": non solo è normale che lo faccia, ma il flan non è flan se non lo fa.
Quando sara' intiepidito, volendo, lucidare la superficie con uno sciroppo (ottenuto riscaldando 50 ml. di acqua, 2 cucchiai di zucchero bruno e un pizzico di semi di vaniglia). 
A piacere si può usare per la base pasta sfoglia o brisée (ricetta qui o qui)




Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…