Passa ai contenuti principali

Sobaos pasiegos con pasta madre




La Valle del Pas si trova in Spagna e precisamente in Cantabria. Io non saprei nemmeno che esiste se non avessi scoperto queste merendine che lì sono tradizionali. Ci sono arrivata tramite Miriam Garcia (El invitado de inverno) a cui devo la ricetta e tutte le notizie. In linea di principio si tratta di un impasto soffice da ciambella e i dolcetti, dalla caratteristica forma rettangolare, sono perfetti al posto della classica merendina confezionata. La particolarità è che profumano molto di burro, perché è un prodotto tipico della zona e per questo deve essere di ottima qualità, possibilmente quello francese o quello di malga. Se uno proprio non lo sopporta, è intollerante o vuol vivere felice, come alcuni che conosco io, nell'illusione che "sai, con la margarina è più leggero" ovviamente può sostituirlo, ma il risultato sarà diverso. 
I sobaos in origine si facevano a partire dalla pasta di pane e si chiamano in questo modo perché, per l'appunto, essa si sobaba - si "maneggiava", si "impastava" con una serie di altra roba. Pare che inizialmente si aggiungessero solo burro e zucchero, e poi, in tempi più recenti, anche uova e aromi. La versione moderna, poi, è fatta con il lievito per dolci e non è molto diversa dalla torta margherita classica, almeno così pare a me.

A me i sobaos tornano utilissimi perché posso fare intervenire il fedele Frankenstein e prepararli con la pasta madre come spiega benissimo Miriam. Provate e il problema del riciclo non sarà più un problema! La pasta madre ha qui una funzione come quella dello yogurt nella torta dei sette vasetti o come altro si chiama. Non si sente per nulla alcun sapore di acido.

Impasto sufficiente per 8 pezzi ca. 7x5cm.
  • 250 g. di pasta madre al 65% di idratazione
  • 140 g. di zucchero
  • 1 uovo 
  • 125 g. di burro a pomata
  • 4 g di lievito per dolci 
  • Buccia grattugiata di mezzo limone
  • Anice, se piace (nella ricetta originale ci vuole)


Per prima cosa si preparano gli stampini utilizzando della carta forno. Se mi metto a spiegarlo domani mattina siamo ancora qua. Meglio vederlo direttamente in questo video; in realtà è facilissimo.


Si impasta la pasta madre matura con gli altri ingredienti secondo questo ordine: a. zucchero, buccia di limone, b. lievito, c. burro, d.uovo; l'impasto dev'essere fluido abbastanza da essere versato agevolmente negli stampini.
Nel video l'impasto si fa esclusivamente con le mani. A me non piace, o almeno non in tutte le fasi. Utilizzando uno sbattitore al momento dell'aggiunta dell'uovo l'impasto incamera più aria e poi diventa molto più soffice (risultato comprovato dopo diversi esperimenti).

Accorgimenti essenziali per evitare arrabbiature:
- Burro: più morbido è e meglio ci troveremo: sarà più facile incorporarlo, non resteranno pezzetti e impedirà che si sviluppi glutine (pena impasto duro e denso).
- Burro 2: non utilizzare quello più commerciale, perché il sapore ne risente, e tanto meno quello light. 
- Stampini: utilizzare due strati di carta forno perché altrimenti si possono squacquerare, e non arrivare proprio all'orlo nel riempirli (diciamo poco dopo la metà va bene).
- Stampini 2: se uno proprio non ha voglia di farli può utilizzare uno stampo rettangolare o quadrato, ma non più grande di 18-20 cm., altrimenti bisogna raddoppiare le dosi. 
- Stampini 3: collocarli uno vicino all'altro perché in questo modo mantengono meglio la forma.

Cuocere 20-25 minuti a 170 gradi.
Si mangiano nature. L'idea di farcirli con marmellata e presentarli tipo Kinder Brioss o in forma di petit four a tre strati è venuta a me, in Spagna non esiste, ma mi piace tanto che la suggerisco senz'altro. In questo caso meglio una marmellata dal sapore non troppo tiranno.



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…