Cookies ai fiocchi d'avena II



Uno dei cento motivi per cui non sarò mai una di quei foodbloggers comme il faut (tranquilli lettori: nessuno ha a che fare con riuscita e/o qualità delle ricette): perché le foto non le so fare, non ho voglia di montare un set cinematografico per ogni biscotto che tiro fuori dal forno, e d'altra parte mi piace pensare che se uno capita a leggermi perché gli serve un'informazione su come preparare una certa cosa, gli interessi trovarci soprattutto quella, più spiegazioni chiare e possibilmente corrette.
Quindi mi perdonerete se l'idea iniziale di mostrare il ricettario americano in retroscena non è riuscita: non si vede, e per quello che riguarda l'immagine potrebbe essere il Kamasutra o un ricettario in cinese. 
I biscotti invece si vedono, e spero che facciano venire voglia a qualcuno di provarli: non ne comprerete più.
Un'altra mia ricetta di cookies, non molto diversa, la trovate qui.

Ricetta per 12 cookies da Essentials of Baking della Williams-Sonoma (sempre per la serie: nostalgia canaglia).
  • 120 g. farina 0 (all-purpose); ho provato anche con la 00 senza nessun particolare problema
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • un pizzico di sale
  • 60 g. burro, a temperatura ambiente
  • 110 g. di zucchero di canna scuro tipo Mascobado
  • 60 g. di zucchero semolato "normale"
  • 1 uovo L
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia o semi di vaniglia
  • 70 g. di fiocchi d'avena
  • chocolate chips quante ne volete voi, o uvetta, o tutti e due
Procedimento americanamente rapidissimo e funzionale. Ciotola uno: lavorare a crema burro, zuccheri, vaniglia e cannella (ricordiamoci che i grassi "diffondono" i profumi!). Basta un cucchiaio di legno. Aggiungere l'uovo e continuare a sbattere.
Ciotola due: setacciare insieme farina, lievito e sale.
Mescolare questi ingredienti alla crema di burro e uova. Aggiungere i fiocchi d'avena e per ultimo l'ingrediente "caratterizzante" che piace a voi. Nella foto, si tratta di chocolate chips sia al latte che fondenti.
Mettere in frigo per un'ora o anche in freezer per mezz'ora, se volete fare ancora più rapidamente.
Porzionare l'impasto a cucchiaiate su carta forno, facendo i mucchietti ben distanziati perché si allargano molto
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 15 minuti. Tirare fuori, non toccare perché saranno molli. Raffreddandosi diventeranno più compatti. Non continuare la cottura a meno che non si desiderino dei veri biscotti, più spessi ma non chewy all'interno come gli originali. Il criterio è che il biscotto dev'essere dorato ai bordi, ma con il centro ancora umido. 
Si conservano per tre giorni in scatola di latta. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi