Passa ai contenuti principali

Macarons di Aurélie Bastian



La ricetta di questi macarons ha aspettato un anno per poter essere debitamente ricopiata e inserita in archivio, ma non perché ci fossero dubbi - ché anzi sono stati rifatti più e più volte - ma come sempre per mancanza di tempo e pure per spirito di contraddizione.
A me i macarons piacciono e li trovo pure comodissimi per il riciclo degli albumi. Ma diciamo che quando una cosa diventa un "fenomeno mediatico" inizia a farmi antipatia e mi passa, come dice il palermitano, il prio, cioè il piacere. Non ci posso fare niente, sarà una malattia, boh.
Eppure con questa ricetta di Aurélie Bastian (che sui macarons ha pubblicato pure un libro che va a ruba, almeno in Germania) ottengo un risultato veramente soddisfacente, almeno quanto con l'altra della Williams-Sonoma e forse anche meglio: da una parte i pasticcini sono esattamente uguali a quelli in commercio in Europa (quelli della Williams-Sonoma un po' meno, sono più bombati, ma questo coincide con la foto del ricettario, quindi si tratta di un risultato voluto), dall'altra la dose è più semplice da adattare e permette di mettere mano a macarons anche se non avete da smaltire quantità industriali di albume.
Non so se il libro della Bastian sia stato tradotto in Italia, in ogni caso la ricetta è questa qui:
  • Per 36 g. di albume:
  • 45 g. di mandorle macinate
  • 75 g. di zucchero a velo
  • 10 g. di zucchero (normale, ma fine).
Questo sempre che non vogliamo colorarli. Altrimenti c'è da pensare anche a procurarsi il colorante alimentare, che dev'essere in polvere e in nessun caso liquido.
L'albume si deve pesare assolutamente. Normalmente 36 grammi corrispondono a 1 albume M, ma anche in questo caso può capitare che il peso sia anche di poco minore o maggiore e questo comprometterebbe il risultato (impasto troppo denso o troppo fluido). 

1. Ri-macinare le mandorle con lo zucchero a velo e passare al setaccio. Si deve ottenere una polvere molto fine. 
2. Montare l'albume e quando inizia ad essere schiumoso aggiungere i 10 g. di zucchero che restano. Questo è il momento del colorante, se lo usiamo, da unire alla fine.
3. A questa meringa adesso si deve unire la polvere di mandorle e zucchero a velo in tre porzioni. La massa deve cadere a nastro, "scrivere", cioè non dev'essere né troppo fluida né troppo densa.
4. Mettere in un sacchetto da surgelati, richiudere, tagliare un angolo e fare cadere la pasta macaron su una teglia rivestita di carta forno formando dischetti grandi come una moneta da due euro, diciamo. Ovviamente è più elegante usare la tasca da pasticceria, ma la pasta macaron è appiccicosissima, quindi il piacere di lavarla lo lascio ai più autolesionisti e personalmente uso il sistema di cui sopra, così alla fine arrotolo il sacchetto, lo butto e non ne parliamo più. Il lettore ecosensibile a questo punto si scandalizzerà per lo spreco di plastica, e gli darei anche ragione, , se preparassi macarons una volta al giorno. Ma non è questo il caso, quindi direi che dal punto di vista ecologico c'è di peggio.
5. Lasciare riposare i macarons da 20 a 30 minuti.
6. Cuocere a 145 gradi per 12-14 minuti. Non di più, altrimenti saranno collosi.
Una volta cotti posare la carta forno su una superficie fredda e attendere prima di staccarli.

I macaron si possono farcire con la ganache classica: Aurélie Bastian la prepara con 50 g. di cioccolato bianco fuso e 12 g. di panna riscaldata, da miscelare e completare con gli aromi o gli ingredienti a scelta. A me piace di più la crema di mandorla o di nocciola che compro già pronta al supermercato biologico.


Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…