Passa ai contenuti principali

Pan d'Arancia II: Forza Palermo!




Se uno pensa alla Sicilia pensa all'arancia, e se pensa all'arancia pensa, almeno se è palermitano, al pan d'arancia: un classico di tutti i bar e panifici, forse perché è molto semplice da preparare. La ricetta è, anche quella, piuttosto nota anche in rete; proprio perché si tratta di un dolce tradizionale non ci sono varianti, se si esclude quella con farina di mandorle di Giovanni Cappello (la trovate da Stefania insieme a tante altre cose interessanti!) e quella Bertolini... della mia mamma (la trovate qui).
La particolarità del pan d'arancia palermitano, che qualcuno chiama pan d'arancio, è che nell'impasto si usa l'arancia intera, con tutta la buccia. No, non diventa amaro, promesso; ma usate ovviamente un'arancia bio se non volete gustarvi insieme al dolce anche i pesticidi. Il risultato è un dolce incredibilmente profumato e umido al punto giusto, tanto che ho intenzione di provarlo col limone per vedere se riesco, dopo anni di tentativi, a ottenere il copycat del lemon pound cake dell'amato Starbucks (l'anno scorso di questi tempi girava una ricetta, ma era una vera fregatura).

Si prepara normalmente nello stampo da plumcake. Il mio è piccino, per cui preparo 2/3 della dose senza problemi.
  • 300 g. di farina 00
  • 250 g. di zucchero
  • 200 g. di burro fuso e intiepidito
  • un'arancia di dimensioni palermitane (bella grossa), bio
  • una bustina di lievito per dolci 
  • 3 uova M
  • una bustina di zucchero con semi di vaniglia o una cucchiaiata d'estratto
  • due cucchiai di liquore all'arancia
Tagliare l'arancia a pezzetti dopo avere eliminato, per così dire, il polo nord e il polo sud, cioè la parte del picciolo e quella corrispondente che in questo momento non so chiamare (triste fenomeno che dicono capiti agli expat che fanno su e giù da una lingua all'altra).
Frullarla accuratamente con i due cucchiai di liquore: non devono restare pezzi!
Montare le uova con lo zucchero, compreso quello con i semi di vaniglia, e quando la massa è ben chiara e spumosa aggiungere prima un paio di cucchiai di farina, poi piano piano il burro fuso, alternando per non smontarla, la farina setacciata col lievito. Terminare con la purea di arancia. 
Versare nello stampo, livellare (basta sbatterlo un po' su un piano) e cuocere a 180 gradi per circa 50 minuti, controllando alla fine con lo stecchino.
Se volete essere proprio ligi alla tradizione, dovete rivestire il dolce con un consistente strato di glassa preparata con zucchero a velo e un po' di succo d'arancia e decorare con rondelle di arancia candita. A me piace nature e quindi lo lascio così. Avvolto in pellicola o stagnola si conserva per qualche giorno benissimo, anzi diventa ancora più buono. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…