Passa ai contenuti principali

Torta fiorentina (semolino e cioccolato)



L'Alighieri nazionale mi fa compagnia ormai da tantissimo tempo, in varie vesti: lettura da vacanza, lettura da studio, ora pure da lavoro; l'unica versione in cui, se pure l'ho incontrato, ho fatto finta di nulla è stato come lettura da scuola, semplicemente perché a scuola i compiti non li facevo.
Forse per questo mi piace.
Complice l'ennesimo impegno dantesco, mi è venuto in mente che per fare fuori un certo quantitativo di semolino la torta fiorentina ci stava proprio a pennello. Dolce tipico ed amatissimo, di facilità estrema, c'è chi lo prepara con aggiunta di ricotta; a me piace di più semplice, ma con un trucco per ottenere un sapore particolare: utilizzare per la crema il latte di pecora.

La frolla è quella di Iginio Massari (da Non solo zucchero) ridotta a dosi ragionevoli per una torta dal diametro di 20 cm.

Base
  • 130 g. di farina 00
  • 50 g. di zucchero a velo
  • un pizzico di sale
  • 10 g. di miele di acacia
  • 85 g. di burro freddo
  • 1 tuorlo L 
  • 1 g. di lievito per dolci
Miscelare burro, zucchero, sale, lievito e miele nell'impastatrice. Aggiungere il tuorlo e incorporarlo bene con la frusta K, così che non restino tracce. Terminare con la farina, dare qualche giro e la massa si compatterà da sé. Sarà tenera: avvolgere in pellicola e mettere in frigo per mezz'ora.

Crema
  • 500 ml. di latte di pecora
  • 90 g. di semolino fine
  • 60 g. di zucchero
  • 15 g. di burro
  • 125 g. di uova intere (sono 2 L)
  • buccia di arancia
  • sale
  • 5 gocce d'essenza di mandorla amara 
  • vaniglia (semi)
Fare riscaldare il latte con la vaniglia, lo zucchero, il sale e la buccia d'arancia. Quando è vicino ad ebollizione aggiungere il burro, fare sciogliere e poi fare cadere il semolino a pioggia. Fare addensare a calore basso, servirà qualche minuto; deve risultare una crema ben densa che "scrive", ma nello stesso tempo non deve diventare gommosa.
Lasciare intiepidire (per accelerare il processo immergere il fondo del tegame in acqua fredda continuando a mescolare) e poi eliminare la buccia d'arancia e aggiungere le uova sbattute, incorporandole bene. Terminare con l'essenza di mandorla.

Foderare con la frolla uno stampo da 20 cm. Versare la crema e cuocere a 170 gradi per 30 minuti.
Lasciare intiepidire e poi ricoprire con 

ganache al cioccolato fondente:
  • 80 g. di cioccolato fondente al 60-62% di cacao, di ottima qualità (Valrhona che non si sbaglia)
  • 80 g. di panna half and half (panna da caffé al 10% di materia grassa)
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo (20 g.)
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Versare gradualmente la panna riscaldata, mescolando. All'inizio sembrerà che si attacchi tutto, poi si ottiene una crema liscia simile alla ganache tradizionale con panna "intera", che qui non uso perché secondo me diventa troppo dominante sulla delicata crema di semolino.
Versare sopra alla torta e lasciare riposare.

Un'avvertenza: questa torta è buonissima anche il giorno dopo, e addirittura pure il successivo, ma la frolla di Massari perde friabilità. Se la preferite sempre croccante, ma non intendete consumare subito il dolce, prendete in considerazione l'idea di utilizzare un'altra frolla, cosa che non ho mai fatto perché a me piace molto così. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…