Passa ai contenuti principali

Crostata albicocca e pistacchi di Eric Kayser


Come diceva Carlo Verdone in non so più quale dei suoi film, arriva il momento che uno dice: abbasta.
Abbasta col rabarbaro, per l'esattezza. Il codice genetico programmato su climi nei quali a questo punto dovrebbe essere più che estate si ribella. Ci vuole la frutta seria - di qui la gioia all'apparire sul mercato delle albicocche francesi. Niente di più adatto che la tarte abricots-pistache di Eric Kayser, in vendita per il cliente locale nelle filiali della Maison Kayser e per i non residenti descritta nel libro Les Tartes d'Eric Kayser.

Si tratta di una base di pasta frolla alle mandorle, con albicocche e una crema al pistacchio; qualcosa di simile alla mia personale torta frangipane alle amarene ma con il côté pistache ancora più pronunciato. Da sapere: la frolla va preparata preferibilmente il giorno prima e la quantità è sufficiente per due basi da 20 cm, ma si può tranquillamente surgelare o utilizzare per biscotti.

Pâte  sablée aux amandes di Eric Kayser
  • Burro, 150 g. a temperatura ambiente
  • Zucchero fine (tipo Zefiro), 30 g.
  • Zucchero a velo, 60 g.
  • Sale, 2, 5 g.
  • Uova M, 1
  • Farina 00, 250 g.
  • Mandorle macinate fini, 30 g.
Lavorare il burro a pomata con zucchero e sale. Aggiungere le mandorle, poi l'uovo e continuare a mescolare. Incorporare rapidamente la farina fino ad ottenere una pasta tenera. Dividere in due porzioni da 300 g., avvolgere in pellicola e mettere in frigo fino all'indomani. La parte da non utilizzare può essere congelata in questo momento.

Crème frangipane à la pistache

  • Burro, 100 g., a temperatura ambiente
  • Zucchero fine (tipo Zefiro), 80 g.
  • Mandorle macinate fini, 70 g.
  • Pistacchi macinati fini, 30 g.
  • Farina 00, 1 cucchiaio colmo
  • Pasta di pistacchi, 20 g. 
  • Uova, 2 M
La ricetta per preparare in casa la pasta di pistacchi ve la do qui, ma quella commerciale, purché di buona qualità (vogliamo il pistacchio e non la pasta di mandorla colorata in verde!) rappresenta un'alternativa salvatempo non trascurabile. Se la pasta di pistacchio è pura o fatta in casa la quantità di zucchero si può aumentare fino a 100 g. (così Kayser); quella che ho comprato io ha una percentuale di zucchero equivalente circa al 53%, da qui gli 80 g.
Chi non abbia a disposizione i 30 g. di pistacchi può utilizzare direttamente 100 g. di mandorle invece che 70, sapendo che il sapore sarà meno deciso.

Detto questo, il procedimento è semplice e consiste nel montare a crema burro, zucchero e pasta di pistacchi, per poi aggiungere la farina, le uova una dopo l'altra (curando che il primo uovo sia completamente incorporato prima di proseguire col secondo) e la farina di mandorle e pistacchi.

Per il montaggio serviranno ancora
  • 500 g. di albicocche mature ma sode.
Stendere la pasta su superficie infarinata a uno spessore di 4-5 mm. Rivestire uno stampo imburrato e infarinato da 20 cm., tirare su il bordo a circa 3 cm., punzecchiare, coprire con alluminio e pesati e cuocere a 170 gradi per circa 10 minuti.  Questo passaggio è necessario e ve ne accorgete se a) provate a preparare una volta il dolce senza cuocere la base (pasta crudigna al centro, comunque molto molto chiara e perfetta solo ai bordi, imprecazioni) b) guardate il video della Maison Kayser (aaaaahhhh... volevo ben dire... è che lì, invece, non vi dicono le dosi).

Lasciare raffreddare. Nel frattempo snocciolare le albicocche e tagliarle a quarti se grosse, o a metà. Stendere i 2/3 della crema sulla base, ricoprire con le albicocche e col resto della crema. Proseguire la cottura per 25-30 minuti fino a quando la crema è leggermente dorata. 
Servire freddo, spolverato di zucchero a velo o fiorellini di lavanda.

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…