Passa ai contenuti principali

Fondant au chocolat con ciliegie







Dove sono stata in questi due mesi? La risposta è varia. La più eroica: a lavorare. Molto. La più piacevole: in vacanza in Grecia (ma riguarderebbe appena dieci giorni). La risposta eroica parte seconda: a combattere con la Telekom che ci aveva lasciati senza Internet e telefono, praticamente fuori dal mondo, da due giorni prima della partenza a due dopo il ritorno.
E poi c'è una quarta risposta: il blog ha adesso un fratello in lingua tedesca, a cui mi sono dedicata anema e core nei ritagli di tempo che mi restavano. Le ultime ricette, quindi, le ho pubblicate inizialmente lì, ed essendo anche roba un po' complicata la voglia di riscrivere tutto da capo non era poi tantissima.
Adesso rimedio, e con una cosina mica male, se avete ancora ciliegie a disposizione: quelle nere, molto carnose e saporite. Scoprirete che accompagnate con il fondant au chocolat - in questo caso quello secondo Philippe Conticini - fanno la morte loro! La base è invece una pasta frolla alla farina di mais che dobbiamo a Pierre Hermé e che ritroveremo in un altro dolce di grande finezza (quindi non è un problema se la ricetta approda alla doppia dose rispetto a quella che ci servirà).

Qui le dosi per una torta da 20 cm. di diametro.

Pasta frolla al mais di Pierre Hermé (doppia dose)
  • 150 g. di burro morbido
  • 95 g. di zucchero a velo
  • 30 g. di mandorle macinate a farina
  • 2 pizzichi di sale, e se avete il fleur de sel è pure meglio
  • Polpa di 1/4 di bacca di vaniglia
  • 50 g. di uova intere (sarebbe circa 1 M)
  • Farina 00, 225 g.
  • Farina di mais, 45 g.
Lavorare a pomata il burro e incorporare il resto degli ingredienti nell'ordine della lista, tranne le farine. Setacciarle insieme e aggiungerle solo alla fine, mescolando giusto per il tempo necessario a ottenere una massa omogenea. Avvolgere in pellicola e mettere mezz'ora in frigo, poi pesare la metà dell'impasto e foderare con esso uno stampo da 20 cm. imburrato e infarinato. Coprire con stagnola e pesetti o legumi secchi e cuocere a 170º per 20 minuti. Il resto dell'impasto si lascia perfettamente congelare o può essere utilizzato, se ne avete tempo e voglia, per biscotti.


Composta di ciliegie
  • 300 g. di ciliegie nere
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaino di burro
  • 2 cucchiai di liquore alla ciliegia
  • 3 savoiardi
Buon divertimento intanto con la snocciolatura delle ciliegie. Se sopravvivete alla noia, potete passare alla seconda fase che consiste nello sciogliere il burro in una padella, facendovi poi caramellare lo zucchero. Quando questo ha raggiunto un colore ambrato, si aggiungono le ciliegie e si lasciano cuocere a calore forte finché il loro succo si restringe. Lasciare intiepidire e aggiungere il liquore e i savoiardi sbriciolati.

Fondant au chocolat da Philippe Conticini
  • 140 g. di cioccolato fondente al 62% di cacao
  • 30 g. di cioccolato al latte al 45% di cacao
  • 80 g. di zucchero
  • 120 g. di burro
  • 150 g. di uova intere sbattute
  • 75 g. di farina 00
  • 2 cucchiai di liquore alla ciliegia
Sciogliere a bagnomaria i due tipi di cioccolato con il burro e lasciare intiepidire. Mescolare bene con la frusta a mano le uova con lo zucchero e la farina setacciata. Versarvi sopra il cioccolato e incorporarlo rapidamente.
Distribuire la composta di ciliegie sulla base di pasta frolla precotta, ricoprire con il fondant e cuocere 25-30 minuti a 170º . Il centro dev'essere ancora tremolante e la prova dello stecco... non vale! Lasciare a temperatura ambiente almeno 2 ore prima di servire per la consistenza "classica" del fondant; in alternativa si può gustare anche prima, per un effetto particolarmente cremoso. La foto documenta proprio l'incapacità di attendere...


Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…